Librino, un quartiere lasciato a marcire tra rifiuti e degrado - QdS

Librino, un quartiere lasciato a marcire tra rifiuti e degrado

Melania Tanteri

Librino, un quartiere lasciato a marcire tra rifiuti e degrado

venerdì 09 Settembre 2022 - 10:31

Al civico 2 e 3 di viale Bummacaro gli abitanti restano chiusi in casa o affacciati al balcone per non rischiare qualche malattia. Le fognature straripano nei cortili

CATANIA – “Il fatto che, in occasione delle prossime elezioni nessuno sia venuto qui a fare campagna elettorale, a promettere e garantire qualcosa, dà la misura di quanto nessuno voglia venire qui nemmeno a prenderci in giro”. Ad affermarlo è uno degli abitanti del viale Bummacaro 2, uno dei palazzi di Librino in cui istituzioni e servizi sono da tempo immemore latitanti, soffocato da montagne di rifiuti, dall’odore nauseabondo della fognatura che sgorga in strada come fosse un ruscello. Palazzi dove gli abitanti restano chiusi in casa o, al massimo, restano affacciati al balcone per non rischiare qualche malattia, di essere circondati da topi o, a volte, di essere colpiti da uno dei sacchetti dei rifiuti lanciati in strada direttamente dal balcone.

Librino, un quartiere invivibile

“Noi come associazione supportiamo i cittadini e ci associamo al loro grido per contrastare il degrado che rende il quartiere invivibile. Occorre maggiore attenzione da parte delle istituzioni – afferma Fabio Scuto, della Rete Piattaforma per Librino -. C’è la sensazione di totale abbandono e i cittadini sono completamente sfiduciati”.

Il porta a porta è scattato lunedì scorso

Sono stanchi gli abitanti dei civici 2 e 3 della via popolosa del quartiere periferico di Catania anche per via dei rifiuti di ogni tipo gettati in strada, all’interno delle aiuole, vicino alla fermata dell’autobus a pochi passi da un supermercato. La raccolta porta a porta nella zona è scattata appena lunedì e le cose sembrano già precipitare.

I rifiuti in ogni angolo di strada

La ditta che si occupa del lotto Sud, Ecocar garantisce che, a giorni, saranno effettuate le bonifiche “sebbene non siano comprese nell’appalto – spiega Antonio Natoli, capo area della ditta. Qui il problema è serio – sottolinea: purtroppo la situazione si ripresenterà, come accade in altre aree del lotto Sud, nonostante gli sforzi che abbiamo e stiamo mettendo in campo per informare la popolazione e chiedere la collaborazione dei cittadini”.

In viale Bummacaro 3 la fogna sgorga in cortile

Al civico 3 le cose non vanno certo meglio: la fognatura straripa in cortile, di fronte ai garage e a quello che, un tempo, era un campetto di calcio e oggi sembra il simbolo dell’abbandono. Qui vivono infatti numerose famiglie di appartenenti alle Forze dell’Ordine.

L’edificio, una volta della Regione e poi entrato nelle trattative per un debito, pare sia in condizioni precarie. Tanto che da Palermo era stato preso l’impegno di trovare fondi per nuovi alloggi. Lo scriveva il Sunia nel 2021 ma, a più di un anno di distanza, le cose non sono cambiate. Tanto da spingere il sindacato a chiedere nuovamente interventi, approfittando dei fondi messi a disposizione. “Nonostante le tante opportunità che il Pnrr ha offerto per migliorare le condizioni di vita e della qualità dell’abitare nelle periferie, le istituzioni locali non dimostrano di saper porre reale attenzione al miglioramento delle condizioni di vita e della qualità dell’abitare. E i progetti dei piani urbani integrati nulla hanno di integrato e coordinato”. La pensano così i rappresentanti di Sunia Sicilia, Sunia Catania e la Piattaforma per Librino, che per bocca rispettivamente delle segretarie Giusi Milazzo e Agata Palazzolo e di Sara Fagone, nell’ambito della campagna regionale ‘Focus sulle Periferie’, puntano “a far conoscere lo stato di difficoltà in cui vivono tante e tanti cittadine e cittadini attorniati dal degrado e dai rifiuti; condizioni che interessano molte zone dei quartieri periferici”.

“Purtroppo, l’immobile non è nostro e non possiamo intervenire – afferma l’assessore alle Infrastrutture della Regione siciliana Marco Falcone. Abbiamo fatto manifestazioni di interesse per reperire altri alloggi – aggiunge – ma facciamo fatica a trovarli nonostante il grande impegno”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684