Catania, prostituzione, tratta e riduzione in schiavitù, otto arresti - QdS

Catania, prostituzione, tratta e riduzione in schiavitù, otto arresti

web-mp

Catania, prostituzione, tratta e riduzione in schiavitù, otto arresti

web-mp |
martedì 12 Ottobre 2021 - 08:12

La "banda", reclutava giovani donne dalla Bulgaria, le chiamavano "spazzatura". Tra le vittime una ragazza con grave handicap. In carcere 3 bulgari e un italiano e ai domiciliari altri 4 italiani

Una organizzazione che “reclutava” giovani donne dalla Bulgaria, pagandole poco più di seimila euro ciascuno, per obbligarle poi a prostituirsi in strada, tenendole in schiavitù, è stata sgominata dalla squadra mobile di Catania che ha arrestato otto persone e notificato un obbligo di soggiorno.

Un decimo indagato è al momento irreperibile Nei loro confronti sono stati eseguiti un fermo emesso dalla Dda della Procura e un’ordinanza di custodia cautelare del Gip.

Le indagini degli agenti della Sezione Criminalità Straniera e Prostituzione della Squadra Mobile catanese, coordinati dal pool di magistrati della Dda, avviate nel giugno del 2020, sono partite a seguito di una denuncia presentata da due donne bulgare nei confronti di un’altra straniera per questioni riguardanti il pagamento del canone di locazione delle postazioni su strada, ‘joint’ nei pressi di un bar nella zona della locale stazione ferroviaria, dove le due erano solite prostituirsi.

Le donne reclutate e sfruttate per la prostituzione, vivano in condizioni di schiavitù

Le vittime di tratta, alcune delle quali reclutate in madrepatria al costo di circa 12mila lev (circa 6.129,82 euro), una volta in Italia venivano sistemate in abitazioni fatiscenti (nel quartiere San Cocimo), con pessime condizioni igieniche, private di ogni libertà (e dei documenti di identità) e sfamate con lo stretto necessario per farle sopravvivere (alle ragazze veniva dato non solo poco cibo, ma anche pietanze poco costose come ad esempio le patate), garantendo, intal modo, al gruppo criminale un introito costante di circa 1.400 euro a settimana.

Le donne chiamate “bokluk”, in bulgaro è spazzatura

Definite dagli indagati letteralmente come spazzatura, bokluk in lingua bulgara, venivano costrette a prostituirsi parecchie ore ogni giorno (dalle 19 fino alle 4.30 circa), anche durante le restrizioni imposte dalla pandemia, con ogni condizione atmosferica, sottoposte a percosse e soprusi di ogni tipo e al costante controllo di connazionali e/o di soggetti locali, assoldati dai promotori a tale scopo.

In tale ambito il gruppo criminale non ha risparmiato le continue vessazioni anche in pregiudizio di una ragazza particolarmente vulnerabile, in quanto affetta da un grave handicap, costretta a prostituirsi sotto il costante controllo dei componenti del sodalizio. Quest’ultima è stata rintracciata nell’abitazione del promotore del sodalizio, e, dopo averla sentita, con la collaborazione di un ente anti-tratta, è stata collocata in una struttura protetta.

Dalle dichiarazioni delle donne, un quadro drammatico

Dalle dichiarazioni rese dalla
giovane é emerso un quadro drammatico in quanto la ragazza veniva maltrattata
dall’intero sodalizio, che, approfittando dell’estrema vulnerabilità, dovuta
alla sua condizione di donna, straniera e affetta da un grave e limitante
handicap, la costringeva non solo a prostituirsi, ma anche a svolgere mansioni domestiche,
cucinare, svegliandola in alcuni casi in piena notte e vessandola con violenze
fisiche e verbali indescrivibili.

Nel contesto dell’esecuzione sono stati sequestrati telefoni cellulari e soldi in contante.

L’organizzazione, capeggiata da una coppia, prevedeva una precisa assegnazioni di ruoli e compiti, attraverso il contributo e la collaborazione operativa di italiani e bulgari, con mansioni di controllo e di accompagnamento delle vittime sul luogo del meretricio. Un altro bulgaro, destinatario della misura cautelare in carcere, risulta al momento irreperibile ed é attivamente ricercato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684