Cessazione dell’assegno se la moglie inizia una relazione stabile - QdS

Cessazione dell’assegno se la moglie inizia una relazione stabile

Sebastiano Attardi

Cessazione dell’assegno se la moglie inizia una relazione stabile

martedì 02 Febbraio 2021 - 00:00

Con una stabile convivenza niente assegno di mantenimento

I coniugi, normalmente, dopo la sentenza di separazione o di divorzio, non disdegnano – ma anzi lo desiderano – iniziare una nuova vita con un’altra persona che, statisticamente parlando, il più delle volte è anch’essa separata o divorziata.

Da ciò consegue che la scelta di un nuovo partner comporta sovente anche una stabile convivenza nel senso che uno dei due si trasferisce nel domicilio dell’’altro. Da questo momento l’ex coniuge – che mensilmente doveva corrispondere all’altro l’assegno di mantenimento – secondo il più recente orientamento giurisprudenziale ( si veda l’ordinanza interlocutoria n. 28995 del 17.12.2020, prima sezione), è esonerato dal relativo obbligo.

Infatti, si suppone che la nuova unione sia perfettamente uguale al cessato matrimonio, laddove le parti, come consuetudine vuole, apportano le loro rispettive entrate nella cosiddetta cassa comune. Tra l’altro poi, la nuova convivenza è espressione di una scelta esistenziale libera e consapevole.

Essa si caratterizza per la piena assunzione del rischio che – così facendo – si verrà ad escludere ogni residua solidarietà post-matrimoniale con il suo “ex”, il quale da questo momento in poi confiderà nel suo definitivo esonero da ogni obbligo di mantenimento nei confronti dell’altro coniuge. In buona sostanza, si può affermare come una nuova convivenza “more uxorio” (“come marito e moglie”) costituisca una delle tante cause che estingue il relativo diritto – che un coniuge ha nei confronti dell’altro, economicamente più debole – di continuare ad ottenere l’assegno divorzile, che è stato stabilito in sede di separazione o divorzio.

Di conseguenza, il nuovo rapporto stabile – a meno che il nuovo convivente non sia un “povero in canna” – autorizza giuridicamente il coniuge elargitore ad ottenere – tramite il necessario giudizio di modifica del passato provvedimento, che lo aveva concesso – l’annullamento dell’obbligo d’inviare mensilmente l’assegno di mantenimento.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684