Coronavirus, Razza, "Tamponi rapidi per gli agenti penitenziari" - QdS

Coronavirus, Razza, “Tamponi rapidi per gli agenti penitenziari”

Raffaella Pessina

Coronavirus, Razza, “Tamponi rapidi per gli agenti penitenziari”

venerdì 18 Settembre 2020 - 00:00

L'assessore regionale alla Salute ha incontrato ieri i sindacati delle forze di polizia per proporre una serie di misure di prevenzione dedicate. Tra le azioni in programma per contrastare il contagio anche il vaccino anti-influenzale

L’Assessorato regionale alla Salute monitorerà al più presto i penitenziari e gli istituti di correzione per evitare il diffondersi all’interno delle carceri dell’epidemia di Coronavirus. L’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, a questo proposito ha incontrato ieri a Palermo i rappresentati dei sindacati delle forze di polizia (che dispongono di un proprio servizio sanitario interno) proponendo una serie di azioni per contrastare il contagio. L’assessorato alla Salute si è messo a disposizione assicurando una fornitura di tamponi rapidi da destinare al personale della polizia penitenziaria che opera nell’Isola con circa 4 mila agenti, anche se attualmente i soggetti riscontrati positivi al Coronavirus sono riconducibili ad una percentuale decisamente contenuta e circoscritta al Palermitano.

Nel corso dell’incontro è stata affrontata la necessità di sottoporre ai controlli anche tutti i detenuti e l’assessore al ramo Razza ha chiesto ai rappresentanti sindacali di farsi parte attiva nei confronti del Dap (Dipartimento Amministrazione Penitenziaria) per immaginare ogni misura necessaria a scongiurare possibili contagi. Fra le iniziative proposte dall’esponente del governo Musumeci per l’intera popolazione carceraria, quindi, anche una massiccia azione della campagna vaccinale anti-influenzale che dovrebbe prendere il via a breve. Razza, infine, ha dato la propria disponibilità ai rappresentanti sindacali delle forze di polizia di poter fruire dei servizi di prevenzione anti-Covid della Regione Siciliana, così ha anticipato che segnalerà tale opportunità ai vertici territoriali.

Secondo i dati del ministero della Giustizia aggiornati al 31 agosto 2020, nelle due carceri palermitane, a quanto pare le più a rischio, sono presenti 1.747 detenuti (1318 al Pagliarelli e 429 all’Ucciardone).

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684