Covid, il Prefetto di Palermo, "Troppi senza la mascherina" - QdS

Covid, il Prefetto di Palermo, “Troppi senza la mascherina”

redazione web

Covid, il Prefetto di Palermo, “Troppi senza la mascherina”

domenica 29 Agosto 2021 - 09:55

Giuseppe Forlani, "I controlli li facciamo sempre, ma non è semplice: deve indossarla anche chi non è vaccinato". E da domani, con la zona gialla, tutti dovranno portarla anche all'aperto



“Sapete qual è il vero problema? Che le persone non vogliono più indossare la mascherina. Noi cerchiamo di essere presenti, soprattutto nelle zone dove è più alta l’affluenza di turisti, o nelle località balneari, o ancora dove si creano assembramenti per alcuni locali la sera. Ma non è semplice. In tanti ormai sono orientati a non indossare la mascherina, con l’equivoco di chi non la porta perché vaccinato”.

Il Prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, si prepara alla zona gialla, a partire da domani, che prevede delle restrizioni anche sull’uso della mascherina all’aperto.

Ne ha parlato conversando con i giornalisti a margine delle celebrazioni in ricordo dell’imprenditore Libero Grassi.

“Non è semplice – ha aggiunto – orientare le persone: o si convincono a rispettare le norme o noi non possiamo stare dietro a tutti. Di certo, le forze dell’ordine sono presenti nei luoghi più affollati. Noi sanzioniamo ma dobbiamo evitare che si crei l’affollamento”.

Dall’inizio della pandemia, ha rivelato il prefetto, sono state controllate nel solo mese di agosto 50 mila persone, da inizio pandemia 500 mila e 20 mila locali. Circa 7000 le sanzioni amministrative (400 euro) inflitte.

“Noi i controlli li facciamo sempre – ha aggiunto – Sono circa duemila i controlli al giorno, ed è evidente che in una città e una provincia come Palermo dove accadono episodi di ogni genere, le forze dell’ordine devono essere sempre presenti. I controlli vanno fatti nei locali, nelle attività economiche, cose che facciamo regolarmente”.

“La violazione della norma di indossare la mascherina – ha spiegato ancora il Prefetto – può essere cosi diffusa ed è difficile da controllare. Noi siamo nei luoghi in cui c’è più affollamento, continuiamo questa attività che non è semplice. Dove si radunano le persone che richiedono dispositivi abbastanza significativi. Poi ci sono manifestazioni che si svolgono e che devono essere autorizzate e che determinano una disposizione di sicurezza”.

“I cittadini devono seguire le regole”

“Noi – ha sottolineato il Prefetto, ricordando di aver incontrato venerdì scorso sull’argomento tutti i sindaci del Palermitano – dobbiamo evitare che si creino affollamenti e per fare questo non può essere un poliziotto solo a farlo, noi concentriamo la forza oltre le pattuglie che girano”.

E ha concluso, ribadendo: “Sono le persone che si devono convincere che le regole vanno rispettate”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684