Disavanzo spalmato in 10 anni, Armao “torna alla carica” - QdS

Disavanzo spalmato in 10 anni, Armao “torna alla carica”

Raffaella Pessina

Disavanzo spalmato in 10 anni, Armao “torna alla carica”

venerdì 20 Dicembre 2019 - 00:01
Disavanzo spalmato in 10 anni, Armao “torna alla carica”

Reiterata la richiesta al Mef: “Vogliamo avere le carte in regola”. L’intervista del QdS al vicepresidente della Regione siciliana

PALERMO – Tempi duri per le casse della Regione siciliana. Esattamente a metà tra l’ottimismo del presidente della Regione, Nello Musumeci, e la posizione nettamente più pessimistica del presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, troviamo un altro punto di vista che è quello del vicepresidente della Regione e assessore all’Economia, Gaetano Armao.
Il Quotidiano di Sicilia lo ha intervistato.

Bilancio 2019 quanto si dovrà soffrire in Sicilia: nella sua conferenza stampa per gli auguri di fine anno il Presidente della Regione, Nello Musumeci, ha detto che si dovranno fare un anno o due di sacrifici. Cosa ne pensa?
“Noi abbiamo dato seguito a questa riparifica dei bilanci che ha fatto la Corte dei Conti il 13 dicembre scorso – ha detto Armao – Verifica che peraltro era stata fatta anche gli altri anni. Ovviamente i rilievi dicono cose veritiere e se questi aggiustamenti si fossero fatti nel 2015 o 2016 sarebbe stato meglio, invece li dobbiamo fare noi nel 2019 e quindi li faremo. Perché è giusto che si facciano”.
Armao si riferisce al rendiconto 2018, che la Regione siciliana aveva approvato e presentato a giugno di quest’anno, e che la Corte dei Conti aveva rinviato al mittente chiedendo degli aggiustamenti. La Regione li ha apportati mettendo a punto i documenti entro settembre e la Corte questa volta però si è riservata di sciogliere la riserva entro il 13 dicembre. Ed è quello che è avvenuto se non fosse che il rendiconto 2018 serviva per approvare il bilancio 2019 e quindi ora rimane veramente poco tempo per evitare l’esercizio provvisorio. “Il problema – prosegue Armao – è che non si può risanare tutto il disavanzo subito. Abbiamo chiesto un congruo termine per il ripianamento e soprattutto, ci tengo a sottolinearlo, non c’è alcun buco di bilancio”.

A quanto ammonta il disavanzo per il 2019?
“Per il 2019 lo sapremo l’anno prossimo, perché la quantificazione del disavanzo si fa sul rendiconto, posso dire che nel 2018 è di due miliardi di euro. Abbiamo fatto richiesta al ministero Economia e Finanze per un ripianamento in dieci anni, situazione questa che permetterà di pesare un po’ meno sulla Sicilia e sui siciliani. Vogliamo avere le carte in regola con i conti siciliani e stiamo operando in questo senso, il problema è che non si può fare tutto in poco tempo in una Regione che ha bisogno di investimenti e di risorse. Musumeci è ragionevolmente ottimista anche perché ho avuto una riunione al Mef e ci sono ottime possibilità per utilizzare i dieci anni per il ripianamento dei debiti”.

In alternativa, il governo regionale si dovrebbe adoperare per trovare i soldi in tre anni.
La Commissione paritetica, a causa della crisi del governo nazionale esplosa la scorsa estate aveva arrestato i lavori e solo in questi ultimi giorni ha ripreso la sua attività. Ma l’iter non è ancora concluso perché il provvedimento dovrà essere approvato dal Consiglio dei ministri e in caso positivo avverrà l’emanazione del Presidente della Repubblica. A meno che si trovino delle strade più brevi per aggirare la burocrazia con un decreto “Salva Sicilia”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684