Donne in politica, le "Siciliane" dichiarano guerra a Musumeci - QdS

Donne in politica, le “Siciliane” dichiarano guerra a Musumeci

web-dr

Donne in politica, le “Siciliane” dichiarano guerra a Musumeci

web-dr |
martedì 05 Gennaio 2021 - 12:32
Donne in politica, le “Siciliane” dichiarano guerra a Musumeci

Il movimento è nato in risposta al rimpasto di Giunta e alla conseguente frase sessista di Vincenzo Figuccia. Ora questo gruppo di donne non si vuole più fermare.

Si è costituito il movimento spontaneo “Siciliane” in risposta al rimpasto di giunta senza donne operato dal governo Musumeci e alla conseguente frase “sessista” del deputato leghista all’Ars, Vincenzo Figuccia, il quale ha dichiarato: “Giunta di soli uomini? Non importa cosa hanno in mezzo alle gambe”.

«Tutto è nato dalla frase violenta, machista e sessista espressa da Figuccia, ma lui esprime la volontà di mettere a tacere anni di rivendicazioni e diritti acquisiti, pertanto c’è dentro un problema culturale molto ampio, che attiene in qualche modo a questa incapacità o, ancora peggio, mancanza di volontà di accogliere una visione pluralista che sappia farsi portatrice di interessi e sensibilità diverse», racconta la referente di “Siciliane” Nadia Lodato, mediatore penale, cooperante internazionale e responsabile di “Cotti in Fragranza” laboratorio per la preparazione di prodotti da forno creato all’interno del carcere minorile “Malaspina” di Palermo.

Ciò che contestano gravemente le firmatarie dell’appello sarebbe la violazione degli articoli 3 e 51 della Costituzione, legati all’inclusione di genere. «Tale scelta del governo regionale non è soltanto un errore politico ma anche giuridico – continua la Lodato -. Qui c’è una chiara volontà di cancellare uno sguardo diverso che è quello femminile, capace di racchiudere orizzonti inclusivi come siamo noi donne».

Cercando di smorzare i toni, ieri sera con un comunicato stampa è intervenuto sul tema anche il presidente della Regione, Nello Musumeci: «Sono un convinto assertore del valore che la donna rappresenta anche nella politica. E sono d’accordo con chi reputa il sistema delle “quote” una sorta di recinto che spesso penalizza il merito e, a volte, legittima l’ipocrisia – ha precisato -. L’assenza di rappresentanza femminile nella Giunta di governo, a seguito della sostituzione dei due assessori (di cui una donna) richiesta da Forza Italia, è solo momentanea. Come è noto, ho chiesto alle forze politiche della coalizione di far sì che la parità di genere sia non solo predicata ma anche praticata. Mi attendo, quindi, già a breve atti e scelte conseguenziali».

Non ci stanno, però le “Siciliane” che tacciano Musumeci di scaricare la responsabilità sui partiti: «In quanto presidente della regione è lui il garante della Costituzione quindi non accettiamo una risposta di questo tipo – precisa ancora Nadia Lodato – Hanno operato una mossa spregiudicata che è anche un’occasione mancata per dare spazio a tutte le voci. Per noi è però un modo di allargare la battaglia non soltanto per quanto riguarda l’accesso alla rappresentanza politica per le donne, ma anche al godimento di tutta una serie di diritti di base come il lavoro, la maternità, l’emancipazione da situazioni violente e di degrado sociale».

Non ha, infatti, nessuna intenzione di fermarsi il gruppo anche dopo la raccolta firme a cui hanno aderito in prima battuta 500 donne: «Siamo partite in otto e adesso non riusciamo più a contare le adesioni. Non abbiamo ancora un sistema informatizzato dei dati e quindi piano piano le conteremo tutte. Il nostro è un gruppo variegato di donne, in cui ognuna ha messo in campo le proprie competenze per lanciare la campagna.

Oggi pomeriggio abbiamo una riunione in cui definiremo quali saranno le prossime tappe di una rivendicazione che dopo la scelta di Musumeci urla ancora più forte – dichiara infine la Lodato – Stiamo cercando di dare voce a ogni singola persona quindi stabiliremo anche una metodologia che ci consentirà di rappresentare tutte.

Le dimissioni di Figuccia sono ormai nelle retrovie del nostro pensiero perché non ci interessa l’azione contro il singolo fine a stessa, tantomeno ci sarebbe bastato se Musumeci ci avesse dato rappresentanza con una sola donna in giunta. Noi vogliamo che i diritti costituzionali siano rispettati».  

Sonia Sabatino

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684