Il Catania fa 1-1 con la Sancataldese, le pagelle degli etnei - QdS

Il Catania non va oltre l’1-1 a San Cataldo. Le pagelle dei rossazzurri

web-sr

Il Catania non va oltre l’1-1 a San Cataldo. Le pagelle dei rossazzurri

Simone Vicino  |
domenica 04 Dicembre 2022 - 18:25

Il Catania pareggia 1-1 contro la Sancataldese nella gara valida per la 14esima giornata di campionato: reti di Zerbo e Somma. Le pagelle dei rossazzurri.

Un altro pari in trasferta. Per la terza gara di fila, dopo Cittanova e Lamezia Terme, il Catania raccoglie un punto da una sua uscita esterna.

Sotto per la prima volta in stagione per il gol di Zerbo, gli etnei pareggiano con Somma ma mancano il guizzo per strappare i tre punti. Si rimane saldamente in testa, a +11 sul Locri che diventa secondo. Di seguito le pagelle dei rossazzurri.

SANCATALDESE-CATANIA 1-1 (8’ Zerbo, 23’ Somma)

Le pagelle

BETHERS 6 – Torna a casa con un gol al passivo, ma è quasi mai impegnato dagli attaccanti della Sancataldese. Le rare occasioni in cui è chiamato in causa risponde presente.
RAPISARDA 5 – Inizia la gara con difficoltà in fase difensiva: un suo grave errore spalanca le porte al vantaggio dei padroni firmato da Zerbo, ma più in generale non è efficace nel contenere Tuccio. Entra nell’azione del gol, colpendo la traversa dai cui sviluppi nasce la rete di Somma. Più in generale, sembra vittima di un periodo di comprensibile calo fisiologico.
SOMMA 6.5 – Ritrova il posto da titolare accanto a Lorenzini dopo alcune gare vissute dalla tribuna. Ordinato nel controllare gli attaccanti avversari, è il più lesto di tutti, al 23’, a insaccare dopo la doppia traversa colpita dal Catania. Più in generale è sempre pulito negli interventi, probabilmente il migliore degli etnei.
LORENZINI 6 – La gara richiede costante attenzione, lui risponde presente con la consueta eleganza. Riceve un giallo che lo fa entrare in diffida. Qualche sbavatura nel secondo tempo non da lui, ma tutto sommato anche stavolta prova sufficiente.
CASTELLINI 6 – Torna a giocare da terzino sinistro. Timido nel primo tempo, cresce nella ripresa quando il Catania è alla ricerca del forcing (comunque non trovato) nel finale. Attento in fase di ripiegamento.
RIZZO 5.5 – Sentiva molto la partita, per “vendicare” l’eliminazione subita in Coppa ad agosto con qualche festeggiamento finale non proprio gradito. Come altri titolari, sta attraversando un momento di poca brillantezza. Migliora quando si piazza davanti alla difesa nel secondo tempo (e non è la prima volta).
LODI 6 – L’atteggiamento dei padroni di casa di certo non favorisce uno sviluppo della partita favorevole alle sue caratteristiche. Lui prova a mettere ordine in mezzo al campo ed è sempre pericoloso, grazie al suo delicato mancino, nelle situazioni di palla inattiva. È lui a battere il corner da cui nasce il pari del Catania. Esce poco dopo l’inizio della ripresa per la consueta staffetta con Palermo. DAL 50’ PALERMO 5.5 – Spesso il suo ingresso in campo è prezioso, se non risolutivo. Stavolta non è così: conquista qualche pallone, ma meglio in altre occasioni.
VITALE 5.5 – La partita richiede lotta e “calci”, lui non si sottrae affatto né tira indietro la gamba. Oltre al dinamismo, sempre assicurato, stavolta manca un po’ di qualità nelle scelte finali.
SARNO 5.5 – Gli avversari gli dedicano un “trattamento” particolare: ogni qual volta riceve il pallone spalle alla porta, è sempre fermato con mezzi più o meno leciti. Fatica dunque ad attivarsi, né si accende la connessione con Rapisarda. DAL 56’ GIOVINCO 5 – Entra per piazzarsi, più che da esterno puro del tridente, in posizione più centrale. Non incide come la sua qualità gli permetterebbe: gioca molto poco ma oggi non dà grossi segnali.
SARAO 5 – Lotta, sgomita e usa il fisico nella morsa dei due centrali della Sancataldese. Prova a fare il lavoro sporco e a mettersi al servizio dei compagni di squadra, ma ci riesce solo a intermittenza. Esce intorno all’ora di gioco per la consueta staffetta con Jefferson. DAL 62’ JEFFERSON 5.5 – L’ingresso con gol dalla panchina nelle ultime non sta riuscendo: prova a metterci la sua qualità, ma ha poche chance per incidere sotto porta.
FORCHIGNONE 6 – Si è rivisto, a sprazzi, il Forchignone di inizio stagione: tanta corsa, dinamismo e dribbling. Si rende protagonista di qualche bella azione individuale, anche se pecca nella fase di definizione dell’azione. DAL 56’ CHIARELLA 6 – Torna in campo dopo circa due mesi e questa è già un’ottima notizia. Non può essere al 100%, ma si intravede già qualche serpentina delle sue.

FERRARO 6 – Ritorna, un po’ a sorpresa, allo schieramento tattico di inizio stagione: un Over in più in difesa (Somma) e uno in meno in attacco (dove punta su Forchignone). La prestazione del Catania ricalca le ultime: la squadra attraversa una fase di poca brillantezza in zona offensiva, ma regge e continua a far punti. In trasferta manca la vittoria da tre gare. La distanza dalla seconda resta però ancora rassicurante.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001