Il volto oscuro dell’Italia, seconda esportatrice di pesticidi vietati dall’Ue - QdS

Il volto oscuro dell’Italia, seconda esportatrice di pesticidi vietati dall’Ue

redazione

Il volto oscuro dell’Italia, seconda esportatrice di pesticidi vietati dall’Ue

giovedì 10 Settembre 2020 - 17:19
Il volto oscuro dell’Italia, seconda esportatrice di pesticidi vietati dall’Ue

Inchiesta condotta da Greenpeace e Public Eye, al prinmo posto si trova la Gran Bretagna. Nel Bel Paese commercio da 9.500 tonnellate rivolto a paesi quali cui Stati Uniti, Australia, Canada, Marocco, Sud Africa, India, Giappone, Messico, Iran e Vietnam

 L’Italia nel 2018 ha approvato l’esportazione di oltre 9mila tonnellate di pesticidi vietati in Ue,  diventando così il secondo maggior esportatore di prodotti pesticidi  vietati in Europa. Dopo l’uscita della Gran Bretagna dalla Ue,  l’Italia conquisterebbe addirittura il primo posto. è quanto rivela  una nuova indagine di Greenpeace e Public Eye. In particolare, lacune  nelle norme europee e internazionali fanno sì che le aziende chimiche  rimangano libere di produrre ed esportare dall’Ue pesticidi di cui è stato vietato l’uso sul nostro territorio al fine di proteggere la salute umana e l’ambiente.

Questo commercio è sempre stato avvolto dal segreto commerciale, ma ora l’indagine condotta dall’unità di giornalismo investigativo di Greenpeace UK, Unearthed, e dalla Ong svizzera Public Eye, ha raccoltoi dati più completi sulle esportazioni di pesticidi vietati dall’Ue . L’indagine ha permesso di ottenere centinaia di documenti emessi da aziende in tutta Europa che dimostrano l’intenzione di esportare 81.615 tonnellate di prodotti fitosanitari vietati.

In totale, circa 9.500 tonnellate pari al 12% di quelle esportazioni pianificate, provenivano dall’Italia, il totale più alto dei paesi dell’Ue dopo la Gran Bretagna. Le esportazioni italiane notificate riguardano 10 diversi prodotti pericolosi destinati a paesi tra cui Stati Uniti, Australia, Canada, Marocco, Sud Africa, India, Giappone, Messico, Iran e Vietnam. La notizia arriva dopo che quest’estate gli esperti di diritti umani delle Nazioni Unite hanno lanciato un appello affinché si metta fine alla pratica ‘deplorevole di esportare pesticidi tossici vietati verso i paesi più poveri.

‘’I giganti della chimica inondano di pesticidi altri Paesi, molti deiquali più poveri. Queste sostanze sono così pericolose che abbiamo preso la giusta decisione di vietarne l’uso nel nostro Paese e in tutta Europa’’ ha dichiarato Federica Ferrario, responsabile campagna agricoltura di Greenpeace Italia. “Il fatto poi che importiamo alimenti da molti di quei Paesi in cui abbiamo scelto di vendere questi pesticidi rende questa pratica ancora più assurda perché ci potrebbero ritornare nel piatto. L’Ue deve porre fine a questa ipocrisia” ha concluso Ferrario.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684