L’allarme dell’Unione Ciechi “Quasi due milioni di disabili in difficoltà” - QdS

L’allarme dell’Unione Ciechi “Quasi due milioni di disabili in difficoltà”

redazione

L’allarme dell’Unione Ciechi “Quasi due milioni di disabili in difficoltà”

martedì 17 Marzo 2020 - 00:00
L’allarme dell’Unione Ciechi “Quasi due milioni di disabili in difficoltà”

La proposta: istituire un’unità di coordinamento permanente con l’associazionismo. “Mancano volontari a supporto, accompagnatori ed altre figure essenziali”

ROMA – “Il coronavirus sta creando enormi disagi soprattutto alle persone con disabilità e alle loro famiglie. In Italia ci sono oltre 360 mila ciechi assoluti e oltre un milione e mezzo di ipovedenti e pluridisabili. Persone in grande difficoltà perché la disabilità non consente loro di rispettare sempre la distanza di sicurezza dagli altri e perché costrette a un autoconfinamento a casa, prive di assistenza di volontari a supporto”.

È la denuncia dell’Unione italiana ciechi (Uici). “Come se non bastasse, in molti casi – segnala in una nota – queste persone sono impossibilitate a svolgere lavoro da casa e lamentano forti problematiche di mobilità per recarsi sul posto di lavoro, sia per la notevole carenza di accompagnatori, sia perché a questi ultimi, quando ci sono, viene spesso negato l’ingresso nei luoghi da raggiungere insieme alla persona accompagnata. È indispensabile pertanto che venga garantita l’assistenza domiciliare per sopperire almeno alle primarie necessità di spesa alimentare, farmaci, cure o accompagnamento al lavoro (laddove non ci sia la possibilità di lavorare da casa). Inoltre, le misure già in parte previste nel decreto legge 14/2020 debbono essere rafforzate e rese obbligatorie, stabilendo il dovere, e non la facoltà per gli enti locali di fornire assistenza e supporto alle persone in condizione di disabilità”.

“Le associazioni nazionali di categoria e in particolare Uici con le sue 21 sedi regionali, 107 territoriali, sottosezioni e Istituzioni collegate – prosegue l’Unione ciechi – in queste settimane così convulse stanno svolgendo un ruolo di presidio informativo e di sostegno psicologico e operativo a supporto e spesso in supplenza delle istituzioni pubbliche, ma cominciano a essere allo stremo delle forze. Per fare fronte a questa situazione sarebbe decisivo istituire un’unità di coordinamento permanente da organizzare d’intesa con le associazioni più rappresentative deputata alla gestione quotidiana e alla identificazione dei bisogni e delle esigenze delle persone con disabilità. Altrettanto fondamentale lo stanziamento di risorse dedicate sia per le associazioni sia per voucher erogati dallo Stato dei quali fruire per il necessario supporto dei volontari che oggi mancano”.

“Le emergenze sanitarie richiedono misure drastiche – dichiara il presidente nazionale Uici, Mario Barbuto – ma come associazione rappresentativa dei ciechi e degli ipovedenti italiani sentiamo il dovere di porre in evidenza le criticità di questo momento e metterci a disposizione delle Istituzioni per individuare e attuare insieme le giuste soluzioni. Quest’anno ricorre tra l’altro il centenario della nostra fondazione che torneremo a celebrare in decine di città italiane appena questo incubo sarà passato. Un appuntamento che ripercorre cento anni di battaglie che i ciechi hanno condotto per guadagnarsi diritti elementari come la cura, l’istruzione, il lavoro, la vera inclusione sociale”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684