Mafia, politica e massoneria, le indagini sul clan di Calatafimi - QdS

Mafia, politica e massoneria, le indagini sul clan di Calatafimi

web-iz

Mafia, politica e massoneria, le indagini sul clan di Calatafimi

web-iz |
mercoledì 12 Maggio 2021 - 16:12

Sono 13 le persone coinvolte nell'inchiesta. Tra queste, anche l'ex sindaco di Calatafimi Antonino Accardo e l'ex direttore di ATM Salvatore Barone.

La Dda di Palermo ha chiuso le indagini e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di 13 persone coinvolte nell’inchiesta su intrecci tra mafia, politica e massoneria che, a dicembre scorso, portò a 13 fermi. Intercettati dalla polizia che indagava sulla cosca mafiosa di Calatafimi (Tp), da sempre legata a filo doppio al superlatitante Matteo Messina Denaro, gli inquirenti accertarono anche un episodio di corruzione elettorale a carico dell’ex sindaco di Calatafimi Antonino Accardo. Avrebbe pagato 30 euro a voto per essere eletto.

IL RUOLO DI SALVATORE BARONE

Tra gli indagati anche Salvatore Barone, ex direttore della ATM, la municipalizzata che gestisce il trasporto pubblico a Trapani: avrebbe avuto rapporti coi vertici della cosca di Calatafimi e col boss della zona, Nicolò Pidone. Barone venne accusato di associazione mafiosa.

I magistrati lo descrissero come un personaggio a disposizione della mafia a cui avrebbe fatto diversi favori. Come l’assunzione di Veronica Musso, figlia del mafioso Calogero Musso, nella società vinicola Kaggera, di cui era diventato presidente. Il tutto dietro la supervisione di Pidone che teneva summit di mafia nella sua masseria e gestiva i rapporti con le altre cosche della zona. Tra gli indagati anche altri condannati per mafia come Rosario Leo, pregiudicato di Marsala, vicino a uno dei “postini” di Matteo Messina Denaro, Sergio Giglio, coinvolto nell’inchiesta sui favoreggiatori del capomafia latitante.

Nelle indagini sono finiti anche insospettabili accusati di aver favorito le comunicazioni tra il capo della famiglia calatafimese, specie nel periodo in cui era sottoposto alla sorveglianza speciale, ed altri mafiosi, tra cui lo stesso Rosario Leo, per un periodo sottoposto a misura di prevenzione. Sotto inchiesta anche l’imprenditore Leonardo Urso, di origini marsalesi, enologo, accusato di favoreggiamento, e l’imprenditore agricolo Andrea Ingraldo, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x