Questore, serve cambio locali commissariato Niscemi - QdS

Questore, serve cambio locali commissariato Niscemi

web-la

Questore, serve cambio locali commissariato Niscemi

web-la |
sabato 19 Giugno 2021 - 13:07

“L’attuale condizione dello stabile dove si trovano gli uffici del commissariato di Niscemi è totalmente inadeguata alle esigenze di un ufficio di polizia. Lì dentro potremmo stare ancora per poco, forse settimane ma la nostra intenzione è mantenere un presidio di polizia in un posto che ne ha bisogno e gli stessi cittadini ce lo chiedono”.

Lo ha detto il questore di Caltanissetta Emanuele Ricifari questa mattina nel corso di una conferenza stampa riguardo le gravi criticità dell’edificio che attualmente ospita gli uffici di polizia a Niscemi. Temporaneamente ci saranno alcune variazioni che riguarderanno l’utenza relativamente a servizi di polizia amministrativa.

“Quella dei locali del commissariato di Niscemi – spiega Ricifari – è una questione annosa. A gennaio del 2022, salvo ennesime proroghe, è previsto lo sfratto. Ma al di là di questo abbiamo avuto una brusca accelerazione della situazione. In particolare nell’area del commissariato destinata al pubblico si sono verificati problemi di tipo strutturale che, dopo una verifica da parte dei tecnici, mi hanno costretto, mio malgrado, ad adottare un decreto di chiusura di quella parte del commissariato e naturalmente, siccome la struttura è un tutt’uno è facile pensare che il degrado possa coinvolgere altri locali. Mi sento comunque di tranquillizzare la cittadinanza: ancorché l’ufficio dovesse essere chiuso la polizia di Stato resta”.

“Ringrazio il prefetto, Chiara Armenia, che preso atto di questa situazione, si è attivata in maniera molto fattiva per cercare delle soluzioni. Ci sono già stati contatti con il sindaco, il Ministero dell’Interno e altri enti o soggetti interessati a risolvere la questione e vanno esaminate nella loro fattibilità. – aggiunge – Al momento abbiamo dovuto chiudere l’attività al pubblico per il rilascio delle licenze e gli adempimenti di polizia amministrativa (pratiche attinenti gli stranieri, i passaporti, le licenze e tra queste la detenzione e il porto delle armi). Per quanto riguarda, licenze, passaporti e titoli di viaggio i cittadini potranno andare a Gela per quanto riguarda le altre attività di polizia amministrativa potranno recarsi nella questura di Caltanissetta”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684