Regione, i sindacati denunciano, “Tirocinanti senza assegno” - QdS

Regione, i sindacati denunciano, “Tirocinanti senza assegno”

Raffaella Pessina

Regione, i sindacati denunciano, “Tirocinanti senza assegno”

giovedì 03 Settembre 2020 - 00:00
Regione, i sindacati denunciano, “Tirocinanti senza assegno”

Formazione, Nidil e Cgil regionali puntano il dito contro il Governo: “Gioca a scaricabarile”. Avviso 22, solo cinquecento su seimila nelle tre fasce di riferimento hanno ricevuto la retribuzione che spettava loro

PALERMO – Monta la protesta dei circa 6mila tirocinanti siciliani che hanno partecipato all’Avviso 22 della Regione siciliana e che ancora oggi dall’anno scorso attendono di essere pagati. L’avviso 22 è finanziato dal Fondo sociale europeo e prevede un corso formativo per chi ha redditi bassi.

Tre le fasce di riferimento: under 35, fino a 65 anni e disabili. In campo circa 25 milioni di euro per percorsi formativi dai quattro ai sei mesi. Fino a dodici mesi per soggetti disabili e svantaggiati. A denunciare la situazione è stato il loro portavoce Oreste Lauria, anch’egli in attesa di essere pagato. Lauria ad esempio ha iniziato il suo tirocinio, che avrebbe dovuto essere retribuito con 500 euro mensili – con accredito dello ‘stipendio’ ogni 60 giorni lavorativi – a metà ottobre del 2019. Da allora ha ricevuto soltanto due mensilità, nonostante abbia terminato il percorso (slittato di tre mesi a causa del Covid19) il 14 luglio. La denuncia è stata raccolta dai sindacati Nidil (sindacato che rappresenta i lavoratori atipici) e Cgil regionali.

Dei 6.000 tirocinanti dell’Avviso 22 solo in 500 hanno ricevuto la retribuzione spettante – scrivono in una nota congiunta – E ancora una volta mentre a migliaia di persone impegnate nei tirocini formativi viene negato un diritto, il Governo della Regione prova a fare lo scaricabarile, stavolta sulla burocrazia e sulle procedure”. “Quella dei pagamenti per i tirocinanti è storia vecchia – aggiungono Andrea Gattuso del Nidil e Monica Genovese di Cgil Sicilia – con il governo che prima ha detto che c’era un problema di finanziamenti impegnandosi a risolverlo, ora invece accampa scuse di tipo procedurale scaricando il problema sugli enti promotori. Ma il bando dell’Avviso 22 è un prodotto di questo governo che a questo punto dovrebbe prendersela con se stesso e in ogni caso adoperarsi per risolvere subito il problema”.

Per i tirocinanti peraltro, rilevano Gattuso e Genovese, “al danno si aggiungono le beffe: risultando infatti percettori di un reddito in realtà mai ottenuto non sono stati in condizione di poter chiedere né il reddito di cittadinanza e quello di emergenza, restando in una situazione di grande difficoltà”.

Cgil e Nidil hanno chiesto chiarimenti all’assessore regionale al lavoro per sbloccare la situazione e allo stesso tempo la convocazione della Commissione lavoro dell’Ars. “Bisogna invertire un clima di sfiducia che si sta diffondendo presso i giovani – concludono Gattuso e Genovese – risolvendo i problemi aperti ma anche dissolvendo le preoccupazioni per il riavvio del programma Garanzia giovani in un momento in cui i centri per l’impiego sono ancora chiusi”.

Una iniziativa questa dei tirocini che presenta varie criticità. Il mancato pagamento ha costretto a chi, per partecipare ai tirocini, spendeva soldi in trasferte, vanificando di fatto l’impegno fino a quel momento. Inoltre le aziende non hanno assunto nessuno, anche perché nel frattempo è pronto l’Avviso 30 con altri tirocinanti che potranno ben sostituire i vecchi nelle aziende.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684