Sprechi di cibo, tutte le istruzioni per ridurli al minimo - QdS

Sprechi di cibo, tutte le istruzioni per ridurli al minimo

Serena Giovanna Grasso

Sprechi di cibo, tutte le istruzioni per ridurli al minimo

sabato 10 Ottobre 2020 - 00:00
Sprechi di cibo, tutte le istruzioni per ridurli al minimo

I consigli pratici di Altroconsumo: fondamentale una lista della spesa ben pianificata. Congelare le quantità in eccesso di carne e pesce, ma anche di frutta e verdura. Più elasticità con dicitura “da consumarsi preferibilmente entro”

PALERMO – Durante il lockdown due italiani su cinque hanno ridotto gli sprechi alimentari (41%). È importante continuare in questa direzione per minimizzare quanto più le quantità di cibo finite in pattumiera. I motivi che inducono a buttare il cibo sono da ricondurre al fatto che questo si deteriora perché non consumato in tempo (32%) o conservato male (20%) o perché se ne prepara troppo (20%). Per evitare tutto ciò, basta seguire dei semplici consigli, come quelli proposti da Altroconsumo, e il gioco è fatto.

Innanzitutto, è bene compilare una lista della spesa prima di recarsi al supermercato: il primo passo è controllare in frigo e dispensa quali alimenti mancano, così da non avere doppioni; in secondo luogo bisogna pianificare i pasti della settimana, in modo da comprare i giusti prodotti e nella giusta quantità. Una volta giunti al supermercato, occorre fare attenzione a non lasciarsi tentare dalle offerte, che rischiano di far comprare più cibo rispetto alle proprie esigenze: dunque, la parola d’ordine è attenzione alla quantità, ma anche alla scadenza.

A casa bisogna conservare correttamente gli alimenti: quindi, per mantenere quelli freschi il più a lungo possibile occorre impostare correttamente la temperatura del frigo e riporre i prodotti nei giusti ripiani. Un utile consiglio che riduce la quantità di cibo in pattumiera scaduto è proprio l’organizzazione dei prodotti secondo la data di scadenza, portando avanti gli alimenti più vecchi e sistemando dietro quelli a più lunga conservazione.

Se è stato acquistato cibo in eccesso, in molti casi può essere congelato: non solo carne e pesce, ma si può congelare anche la verdura sia cruda che dopo averla cotta, e la frutta lavata e tagliata a pezzi. Ogniqualvolta si congela un alimento è bene annotare sul sacchetto o sul contenitore il suo contenuto e il giorno. Inoltre, contrariamente a quanto molti pensano, gli alimenti scongelati e poi cotti possono essere ricongelati.

Gli sprechi domestici spesso dipendono anche dalla scarsa informazione in tema di scadenze e di deperibilità dei cibi. A tal proposito, è importante conoscere bene la differenza tra la dicitura “da consumarsi entro” e quella “da consumarsi preferibilmente entro”. Erroneamente si interpretano tutte e due le espressioni in senso restrittivo.

Quando si trova la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro” si ha a che fare con prodotti che garantiscono inalterato il proprio valore nutrizionale se consumati entro la data segnalata sulla confezione, anche in termini di gusto e di aroma. Dopo questa data le sue caratteristiche potrebbero essere compromesse: quindi, il prodotto potrebbe non avere lo stesso apporto di nutrienti o lo stesso gusto, ma sarà ancora commestibile. La valutazione dell’aspetto e dell’odore determinerà se è opportuno o meno consumare l’alimento.

Al contrario, la dicitura “da consumarsi entro” viene riportata sugli alimenti più deperibili, quindi su quei prodotti che richiedono più attenzione il cui termine di consumo è rigido. Anche qui è possibile una certa tolleranza, seppur più contenuta, affidandosi ai sensi e sempre che il prodotto sia stato conservato correttamente: ad esempio, il latte fresco si può consumare se scaduto da un giorno, oltre meglio di no.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684