Tram a Palermo, un convegno e tante polemiche - QdS

Tram a Palermo, un convegno e tante polemiche

web-la

Tram a Palermo, un convegno e tante polemiche

web-la |
lunedì 20 Settembre 2021 - 18:39

“Voglio esprimere grande apprezzamento per questa importante occasione di confronto con la città, pienamente inserita nel circuito della Settimana europea della mobilità. E il tram, tema centrale di oggi, rappresenta in questo senso la bandiera della trasportistica palermitana. È strumento straordinario di rigenerazione urbana e recupero urbano. Palermo ha fatto una scelta quando ha deciso di avviarsi verso un cammino di mobilità sostenibile e il tram attiene ad una dimensione che riguarda la qualità della vita e del territorio che spinge alla riqualificazione urbanistica e dell’edilizia. Questo è un modo per attivare un cambio culturale. Le quattro linee di tram finora realizzate hanno migliorato le vie attorno alle quali passano. Ha rotto, inoltre, la separatezza tra centro e periferia, ha rafforzato la dimensione comunitaria della città. L’obiettivo di questa amministrazione, con la realizzazione delle nuove linee, è quello di continuare a costruire futuro per la città”. Lo ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che ha partecipato oggi pomeriggio nel cinema De Seta ai Cantieri culturali della Zisa al dibattito pubblico “Il Tram a Palermo: tempi, costi, opportunità. Domande e risposte”, nell’ambito della Settimana Europea della Mobilità. All’incontro, organizzato con la collaborazione gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti della città di Palermo, è intervenuto anche l’assessore alla Mobilità, Giusto Catania. “Abbiamo organizzato questo confronto pubblico – ha commentato Catania – per spiegare tre punti fondamentali della progettazione delle nuove linee Tram a Palermo: il primo riguarda la valenza democratica del progetto che permettendo a tutti i cittadini di raggiungere qualunque zona della città abbatte, di fatto, la differenza sociale e geografica tra la periferia ed il centro della città. Il secondo è centrato sulla valenza trasportistica ed economica con il progetto che ha avuto tutti i pareri positivi da parte degli organi preposti ponendosi come il più adeguato dei mezzi di trasporto cittadino ed incassando anche il parere favorevole del Ministero delle Infrastrutture ed infine c’è la valenza ambientale perché la costruzione delle nuove linee prevede la riduzione non indifferente di emissioni inquinanti nella nostra città”. La consigliera comunale leghista Marianna Caronia in una nota dice: “Il dibattito “a oratori chiusi” organizzato oggi dall’assessore Catania è una vera e propria vergogna istituzionale, segno del degrado raggiunto da questa amministrazione comunale sempre chiusa a riccio nella propria realtà virtuale. Un incontro, con ben tredici oratori scelti dall’amministrazione, senza nulla togliere a opinioni e competenze specifiche di ciascuno di loro, non può che essere un “non dibattito”, senza alcun confronto con la città e con i cittadini. Se non stupisce che l’Assessore Catania tema di poter ascoltare qualche voce a lui contraria e abbia paura di veder sbugiardate le proprie granitiche certezze, stupisce che il Sindaco, di solito più attento almeno alle parvenze istituzionali, accetti di partecipare pur essendo stato escluso, certo in modo non casuale, il Consiglio comunale in qualsiasi sua articolazione”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684