Vaccini, Palù (Aifa), obbligo per Forze dell'ordine e Pa - QdS

Vaccini, Palù (Aifa), obbligo per Forze dell’ordine e Pa

redazione web

Vaccini, Palù (Aifa), obbligo per Forze dell’ordine e Pa

lunedì 22 Novembre 2021 - 08:41

Secondo il presidente dell'Agenzia italiana del farmaco non deve essere un tabù, anche se si tratta di una soluzione estrema. I vaccini per bimbi e i quattro fattori di rischio per i nuovi contagi

Per Giorgio Palù presidente dell’Aifa e membro del Cts, l’obbligo vaccinale non deve rappresentare un tabù.

“È già in atto – ha ricordato – per gli operatori sanitari ed è stato introdotto, ai tempi della ministro Lorenzin, per alcune vaccinazioni pediatriche. Ora, per decidere, andrebbe valutato l’impatto biologico, clinico ed epidemiologico del virus” e “sarebbe auspicabile che almeno i dipendenti della Pubblica Amministrazione e le Forze dell’ordine fossero obbligati a vaccinarsi essendo a stretto contatto con la popolazione”.

Quanto all’obbligo per tutti, Palù, che ha parlato dell’argomento in un’intervista a La Stampa, “resta la soluzione estrema da valutare in base all’andamento della pandemia”.

“Certo non siamo ancora alla situazione austriaca”, ha aggiunto il professore.

E sulla durata del Green pass, ha detto: “L’immunità, come dimostrano gli studi sulla popolazione, inizia a calare già intorno ai sei mesi specie negli anziani e nei soggetti con patologie concomitanti. È pertanto ragionevole la proposta di abbassare la durata del certificato a nove mesi”.

Palù ha parlato anche dei vaccini per i bambini che “sono sicuramente più esposti alla variante Delta”.

“Entro la fine di novembre – ha sottolineato – l’Ema dovrebbe pubblicare la sua valutazione rischi-benefici e successivamente l’Aifa si esprimerà”.

Alla domanda se si aspettasse la crescita del contagio, ha risposto: “Una recrudescenza invernale sì, ma grazie ai vaccini non è esponenziale”.

I fattori dei nuovi contagi sono, a suo avviso: “Il clima invernale che facilita la diffusione aerea del virus, la variante Delta più contagiosa, i non vaccinati e il calo dell’immunità”. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684