Variante Omicron, no vax, dal guru Bacco appello ai vaccinati - QdS

Variante Omicron, no vax, dal guru Bacco appello ai vaccinati

redazione web

Variante Omicron, no vax, dal guru Bacco appello ai vaccinati

domenica 28 Novembre 2021 - 09:52

Il medico, ora solo no pass, invita a rispettare regole: "Il virus uccide, basta piazze piene". E chiede di uscire dalle contrapposizioni e lavorare insieme. Flop delle manifestazioni di ieri a Roma

Con la paura per la variante Omicron e l’avvicinarsi delle feste natalizie, stretta delle prescrizioni su mascherine e distanziamento: nei centri storici di alcune città italiane le protezioni diventano obbligatorie anche all’aperto e le strade dello shopping potranno essere chiuse in caso di sovraffollamento.

Coloro i quali, invece continuano a non indossare la mascherina durante le manifestazioni sono i no vax, anche se il fuoco che li alimentava, anche per via dell’allarme per la nuova variante, semra scemare. Ieri gli ultimi fuochi no vax in alcune città italiane. Se a Roma le manifestazioni sono state un colossale flop, a Milano è stata registrata qualche tensione, con fermi e denunce.
Affollata la sola manifestazione di Trento, con molte persone giunte da Bolzano e dai centri vicini, dove peraltro i contagi sono aumentati in maniera vertiginosa.

Ma, dall’arrivo della variante sudafricana i no vax si sono spaccati.

Il “virus è cambiato. E uccide” ha dichiarato Mario Bacco, medico legale, componente dell’associazione “L’Eretico” e considerato uno dei “guru” degli anti vax.

“Ho visto – ha detto – ragazzi giovani, sportivi, sani prima di infettarsi, morire nelle terapie intensive. Basta assembramenti in piazza e basta negare il virus”.

“Non mi sono ‘convertito al vaccino’ – ha detto – , anzi. Ma dire che il virus non esiste è da delinquenti. Ho visto morire un ragazzo di 29 anni che ancora continuava a negare l’esistenza del virus”.

A fronte di un virus “mutato che fa paura”, Bacco ha lanciato un appello ai no vax che protestano in piazza.

“Basta assembramenti pericolosi” ha detto, sottolineando di non voler abbandonare “la lotta per la libertà di scelta” ma di definirsi oggi “più no pass’ che no vax”.

“Il Green pass – ha concluso – è intollerabile, ma questo non vuol dire che dobbiamo negare la realtà del virus”.

E, su Facebook, ha lanciato anche un appello ai vaccinati: “Lavoriamo insieme….usciamo insieme da questa tristissima storia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684