Trasporti in Sicilia, il 21 tutto fermo a causa di uno sciopero - QdS

Trasporti in Sicilia, il 21 tutto fermo a causa di uno sciopero

redazione

Trasporti in Sicilia, il 21 tutto fermo a causa di uno sciopero

venerdì 04 Settembre 2015 - 12:00
Trasporti in Sicilia, il 21 tutto fermo a causa di uno sciopero

Dopo i continui tagli della Regione, ritenuti pesanti ed ingiustificati, la decisione di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltraporti. “Ricadute pesanti che penalizzeranno gli spostamenti quotidiani di studenti e lavoratori”

PALERMO – “I tagli della Regione, doppi rispetto alle previsioni della legge finanziaria, pesanti ed ingiustificati, rischiano di mettere in ginocchio i trasporti nelle città e nelle aree urbane ed extraurbane della Sicilia”. è quanto denunciano le segreterie regionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti che, dopo l’esito negativo dell’incontro con l’assessore ai Trasporti Giovanni Pizzo e del direttore del Dipartimento Fulvio Bellomo, hanno proclamato per lunedì 21 settembre lo sciopero dei lavoratori dipendenti delle aziende di trasporto pubblico.
“Riteniamo non più tollerabile la grave crisi in cui versa il trasporto pubblico locale in Sicilia – commentano i segretari regionali Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga – gli ulteriori tagli, confermati nell’incontro in assessorato, determineranno il collasso delle aziende del settore, un ulteriore deterioramento dei servizi resi ai cittadini ed il rischio di una grave riduzione dei livelli occupazionali. è da irresponsabili – aggiungono i sindacati – che il governo regionale, in gravissima crisi di liquidità, abbia ancora tagliato risorse per il trasporto pubblico”.
“I tagli complessivi al Tpl in Sicilia avranno ricadute pesanti e insopportabili sull’organizzazione dei servizi penalizzando gli spostamenti quotidiani di studenti e lavoratori. Non riteniamo più ammissibile tale situazione per questo siamo costretti ad indire lo sciopero regionale di tutto il settore per la tutela dei livelli occupazionali e rivendicare l’importanza della qualità dei servizi resi ai cittadini, strategici per lo sviluppo economico e sociale della Sicilia”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684