Catania - Liberato edificio pericolante abitato da 17 famiglie - QdS

Catania – Liberato edificio pericolante abitato da 17 famiglie

redazione

Catania – Liberato edificio pericolante abitato da 17 famiglie

martedì 16 Febbraio 2016 - 19:00
Catania – Liberato edificio pericolante abitato da 17 famiglie

Sgombero effettuato da Polizia, GdF e dai Carabinieri a Catania. Sono state riscontrate delle utenze abusive di acqua e luce

CATANIA – Lo sgombero effettuato da Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia municipale dello "stabile pericolante, abitato abusivamente da 17 nuclei familiari", ha generato numerose polemiche. Proprio per questo motivo è intervenuto il vice sindaco di Catania Marco Consoli: “Era necessario garantire la sicurezza degli abitanti: le condizioni di inagibilità e di estrema pericolosità dello stabile di via Furnari sono certificate da tempo ed era necessario procedere subito. Certo non potevamo continuare a lasciare le famiglie in quel palazzo facendo correre gravissimi rischi in particolare ai bambini”.
“È nostro dovere – ha aggiunto Consoli – stare vicino in ogni modo alle famiglie. Il nostro obiettivo, infatti, è quello di limitare al massimo il loro disagio. Le 53 persone che lo hanno chiesto saranno ospitate, a spese del Comune, per un massimo di un mese in quattro bed and breakfast di Catania. Alle famiglie saranno forniti anche i pasti. Successivamente chi possiede i requisiti potrà usufruire del buono casa per un anno, prorogabile a due. Per quanto riguarda poi le case popolari disponibili, queste saranno assegnate secondo le modalità previste dalla legge a coloro i quali, in possesso dei requisiti necessari, sono inseriti nelle regolari graduatorie”.
Una volta iniziate le operazioni di sgombero, sono state riscontrate numerose utenze abusive di acqua e luce. Inoltre un appartamento è risultato essere stato abusivamente subaffittato e si è scoperto che qualcuno dei residenti era proprietario di altri immobili.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684