Il villaggio-scandalo si è persino rivolto al Tar - QdS

Il villaggio-scandalo si è persino rivolto al Tar

Marina Barrera

Il villaggio-scandalo si è persino rivolto al Tar

venerdì 25 Giugno 2010 - 00:00

Nell’ecomostro di Renelle Trippatore c’è chi si lamenta delle zanzare. Tredici mila mq. saccheggiano la spiaggia di Montalbano

Scicli (RG) – Niente ruspe in azione a Renelle Trippatore. Rimangono vane, al momento, le speranze di vedere raso al suolo lo scempio che si erge sulla costa ragusana. La presunta lottizzazione abusiva di un’area agricola di oltre 13 mila metri quadrati, su cui peraltro vige il vincolo di inedificabilità assoluta del demanio costiero, praticamente a ridosso della spiaggia di Sampieri, borgo immortalato anche negli episodi del serial tv “Montalbano”, era stata segnalata tra gli ecomostri del dossier “Mare Mostrum 2009” di Legambiente. Correva l’anno 2004 quando le 27 abitazioni abusive, costruite in assenza di titoli edificatori, sono state scoperte e sequestrate. Da lì il processo penale e la condanna nel 2008 per 18 dei 26 imputati, con pene variabili dai sei ai nove mesi di carcere e da 32 mila a 48 mila euro di ammenda. Nella sentenza è stato predisposto l’abbattimento delle costruzioni abusive da parte del Comune di Scicli, a spese dei condannati.
Ad oggi, però, l’abuso rimane, nonostante “tecnicamente si possa procedere al suo abbattimento”, come spiega l’assessore all’Urbanistica del comune di Scicli, Teo Gentile, che chiarisce la motivazione per cui il Comune non è ancora intervenuto. “Gli autori dell’abuso – dice l’assessore Gentile – hanno fatto ricorso al Tar, dunque si è deciso di prorogare l’abbattimento a dopo l’esito di rigetto, per questione di sicurezza e di correttezza”.
Il rischio per il Comune, qualora l’esito del Tar fosse positivo per gli imputati, seppur l’ipotesi appare lontana, sarebbe quello di ripagare i “danni”. Di conseguenza, l’Amministrazione comunale aspetterà l’iter giudiziario e i suoi tempi lunghi.
Una nota di colore: nei giorni scorsi, una residente di renelle-Trippatore si è lamentata, attraverso una lettera al sito internet “Sciclinews”, sulla presenza di numerose zanzare nella zona, invocando pure l’intervento del Comune.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684