I bambini sono condomini al pari delle persone adulte - QdS

I bambini sono condomini al pari delle persone adulte

Iole Gagliano

I bambini sono condomini al pari delle persone adulte

venerdì 26 Novembre 2010 - 00:00

Diritto al gioco negli spazi comuni ma rispetto degli altri

È risaputo che i bambini sono rumorosi per definizione, e chi non è abituato ad averli intorno si può anche infastidire. Spesso,questo causa seri problemi nei condomini. La Convenzione sui Diritti del Fanciullo, stipulata a New York nel 1989 e ratificata dal Parlamento italiano nel 1991, riconosce “il diritto dei bambini al gioco e alle attività ricreative proprie della loro età”, ammettendo, però,che nei cortili e nelle aree scoperte delle abitazioni private il regolamento di condominio possa disporre limitazioni al diritto di cui sopra solo nelle fasce orarie stabilite dall’assemblea con la maggioranza prevista all’art. 1136 c.c. La legge di riferimento per le parti comuni di un condominio è l’articolo 1102 c.c.: “Ciascun condomino può servirsi della cosa comune, purché non alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne pari uso secondo il loro diritto”.
I bambini sono condomini al pari degli adulti, per cui non gli può essere precluso l’uso di aree comuni come il giardino e il cortile. A tal proposito l’assemblea condominiale può disciplinare l’uso della cosa comune ma non può escludere nei confronti di uno o più condomini l’esercizio del loro diritto”. (Cass. n. 135/1966). Una delibera assembleare assunta a maggioranza che ponga questo divieto è invalida, e perché una simile proibizione sia legittima e vincolante nei confronti di tutti, deve essere contenuta in un regolamento condominiale di tipo contrattuale, allegato agli atti di acquisto delle singole unità immobiliari e quindi accettato da ogni acquirente al momento del rogito notarile. La regolamentazione, pertanto, può essere disposta dall’assemblea con deliberazione adottata con la maggioranza prevista dall’art. 1136 cod. civ. (Cass. civ., sez. II, 8 luglio 1981, n. 4479). è bello, quindi, che i “nostri bambini” giochino negli spazi condominiali, in alcune ore del giorno, con la dovuta cautela e sorveglianza dei genitori, ma è anche giusto che si rispetti la pace e la tranquillità di tutti gli altri.

Avv. Iole Gagliano
collegio dei professionisti di Veroconsumo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684