Agenzia di promozione per attrarre le imprese - QdS

Agenzia di promozione per attrarre le imprese

Nicole Demoustier

Agenzia di promozione per attrarre le imprese

sabato 11 Luglio 2009 - 00:00

Forum con M. Mohamed Nouri Jouini, ministro Sviluppo e Cooperazione internazionale della Tunisia

Qual è la funzione del Ministero dello Sviluppo e Cooperazione internazionale?
“Questo Ministero ha il compito di elaborare principalmente le politiche economiche di sviluppo e di crescita. Ogni anno definiamo il budget e gli obiettivi economici da raggiungere e quindi i progetti ed i programmi da adottare non solo a livello nazionale, ma anche nell’ambito regionale, in cui formuliamo dei programmi specifici di sviluppo integrato per le regioni.
“Questo Ministero è anche incaricato di seguire la competitività economica del Paese supervisionata dall’Istituto della Tutela della Competitività in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Statistica, con agenzie disseminate in tutto il Paese, che si occupano delle regioni. Questo per ciò che riguarda lo sviluppo, quanto alla cooperazione internazionale, la responsabilità del Ministero è quella di seguire tutto ciò che interessa la cooperazione finanziaria ed economica con l’estero. La nostra missione è dunque quella di attribuire e di promuovere gli investimenti stranieri in Tunisia tramite l’Agenzia di Promozione dell’Investimento Estero.
“Esiste anche un ente chiamato “Agenzia tunisina di cooperazione tecnica”, la cui missione è innanzitutto il collocamento delle competenze tunisine all’estero. Oggi circa 8.000 esperti tunisini lavorano all’estero nell’ambito di una missione a corto o medio termine, la quale segue i programmi di assistenza tecnica destinati ad alcuni paesi africani o arabi.
Quali sono i paesi coi quali intrattenete relazioni ed una cooperazione internazionale?
“Curiamo le relazioni e soprattutto una cooperazione economico-finanziaria innanzitutto con i paesi vicini, quelli della regione del Sud del Mediterraneo, i paesi maghrebini ed anche con altri paesi arabi.
“Naturalmente le relazioni sono più intense con alcuni paesi piuttosto che con altri per ragioni di prossimità o di accordi. Comunque sia, il partner storico della Tunisia è l’Europa; in particolare alcuni paesi europei come la Francia, l’Italia e i paesi mediterranei, ma anche la Germania. Più recenti sono invece i rapporti con i paesi asiatici come il Giappone, la Cina, la Corea… Per esempi, la Tunisia è uno dei rari paesi con i quali il Giappone intrattiene una collaborazione regolare non solo economica, ma anche tecnica. Essa consiste in una cooperazione molto ricca nel campo della tecnologia e dell’ambiente, scientifica ed universitaria.
Quali sono i paesi che investono di più in Tunisia?
“I paesi europei, ma recentemente anche altri paesi come gli investitori arabi che oggi arrivano in massa o quelli di altre regioni del mondo, in particolare l’Asia”.
Cosa mi dice a proposito degli investimenti italiani, ed in particolare di quelli siciliani?
“Gli investimenti italiani occupano il secondo posto, dopo quelli francesi, con circa 600 imprese italiane o a partecipazione italiana, che operano in Tunisia. Investono nella maggior parte dei settori economici, dall’agricoltura ai servizi passando per l’industria; gli investitori italiani sono molto attivi e presenti su tutto il territorio della Tunisia”.
Quali sono i servizi sui quali si fondano le attività di cooperazione atte a promuovere gli investimenti stranieri?
“Accompagniamo gli investitori stranieri ancor prima che abbiano deciso di venire ad investire in Tunisia, per poi seguirli nelle varie tappe del processo di investimento tramite un ente in seno al Ministero che si occupa esclusivamente di questo”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684