Abi, prestiti a imprese -1,9%, mai così male dal 2015 - QdS

Abi, prestiti a imprese -1,9%, mai così male dal 2015

redazione

Abi, prestiti a imprese -1,9%, mai così male dal 2015

martedì 14 Gennaio 2020 - 17:50
Abi, prestiti a imprese -1,9%, mai così male dal 2015

In calo a novembre, domanda di finanziamenti è in riduzione. Per i mutui +2,5% su base annua

ROMA – Diminuiscono i prestiti bancari alle imprese. Secondo il rapporto mensile dell’Abi, a novembre “a seguito della riduzione della domanda di finanziamenti, nonostante tassi d’interesse che restano su livelli storicamente infimi”, per i prestiti alle aziende c’è stato un calo dell’1,9% su base annua. È necessario risalire al maggio del 2015, quando i finanziamenti alle imprese avevano segnato un -1,9% annuo, per trovare un valore analogo a quello di novembre del 2019.

A novembre, sottolinea l’Associazione bancaria, continua a crescere il mercato dei mutui e l’ammontare complessivo dei prestiti ai nuclei familiari ha segnato un +2,5% rispetto allo stesso mese del 2018.

A dicembre, aggiunge Palazzo Altieri, i prestiti a famiglie e imprese sono aumentati dello 0,3% rispetto a un anno prima. In rallentamento invece la dinamica del totale dei finanziamenti all’economia: a dicembre è piatta, dopo il +0,4% di novembre.
A dicembre, spiega l’Abi, la raccolta a medio e lungo termine (tramite obbligazioni) è rimasta stabile rispetto allo stesso mese del 2018, dopo il +2,1% di novembre. I depositi invece sono aumentati di oltre 83 miliardi rispetto a dicembre dell’anno prima (+5,6%).

Rallenta, aggiunge Palazzo Altieri, l’andamento della raccolta complessiva (depositi da clientela residente e obbligazioni), che a dicembre segna un +4,8% annuo dopo il +7,3% di novembre.
Migliorano invece le sofferenze bancarie. Secondo quanto riferisce l’Abi, diminuiscono sotto quota 30 miliardi, ai minimi da quasi 10 anni. A novembre, più nel dettaglio, le sofferenze nette sono state pari a 29,57 miliardi, mentre a ottobre erano a 31,094 miliardi. Per ritrovare un valore dello stock delle sofferenze inferiore ai 30 miliardi è necessario risalire al maggio del 2010, quando era a 29,3 miliardi. Rispetto al picco di 88,8 miliardi di novembre del 2015, a novembre del 2019 “la riduzione è di oltre 59 miliardi (-66,7%)”.

Il rapporto tra le sofferenze nette e i prestiti totali, aggiunge Palazzo Altieri, è sceso dall’1,78% di ottobre all’1,70% di novembre. Per individuare un valore inferiore bisogna risalire al luglio del 2010 (era all’1,69%).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684