Agrigento, meno imposte per le attività colpite dal Covid - QdS

Agrigento, meno imposte per le attività colpite dal Covid

redazione

Agrigento, meno imposte per le attività colpite dal Covid

venerdì 03 Settembre 2021 - 00:20

Il Consiglio ha dato il via libera al Regolamento per l’anno 2021. Sono quattro i milioni di euro a disposizione per alleggerire il carico fiscale sulle imprese

AGRIGENTO – Riduzioni degli importi fino al cento per cento per le utenze non domestiche danneggiate dal Covid. È questa la sforbiciata alla Tari, la tassa sui rifiuti, che ha messo in campo il Comune.

Come affermato dal sindaco Franco Miccichè, l’obiettivo è sostenere le imprese la cui attività è stata chiusa o limitata – in misura diversa a seconda del settore – dalle normative e dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria, per il 2021, tenendo conto di alcuni criteri oggettivi: da una parte il periodo di chiusura previsto dalla normativa; dall’altro le difficoltà nella ripresa anche legate agli obblighi in tema di distanziamento sociale e di sanificazione dei locali”.

Nel regolamento approvato dal Consiglio comunale sono previste misure agevolative fino al 100 per cento per l’anno 2021 per tutte le attività commerciali che hanno subito o la chiusura o ingenti perdite, a seguito delle misure imposte per il contenimento della pandemia. Ulteriori misure agevolative sulla Tassa dei rifiuti sono previste anche per quelle aziende non soggette a chiusure ma che documentino una riduzione del fatturato 2020, raffrontato al fatturato 2019, pari almeno al 30%.

Inoltre, sono previste riduzioni del Canone patrimoniale per l’anno 2021 a favore dei soggetti passivi che pagavano l’imposta pubblicitaria e di Imu a favore dei proprietari di immobili strumentali per lo svolgimento della propria attività.

“L’Amministrazione comunale di Agrigento – ha affermato il primo cittadino – vuole fortemente essere a sostegno delle attività commerciali e di tutti quei soggetti che hanno subito danni dalla pandemia. Sono oltre quattro i milioni a disposizione per ridurre in modo netto nel 2021 le imposte comunali Tari, Imu e canone patrimoniale”.

“A beneficiare delle agevolazioni – ha concluso Micciché – non saranno soltanto le aziende che hanno dovuto chiudere a seguito delle restrizioni, ma tutte le categorie produttive che hanno subito perdite minori. Voglio ringraziare il Consiglio comunale che con senso di grande responsabilità e collaborazione ha votato il Regolamento favorevolmente”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684