Agrigento, fare squadra per uscire fuori dalla crisi - QdS

Agrigento, fare squadra per uscire fuori dalla crisi

Pietro Vultaggio

Agrigento, fare squadra per uscire fuori dalla crisi

mercoledì 03 Giugno 2020 - 00:00
Agrigento, fare squadra per uscire fuori dalla crisi

Gli operatori del territorio hanno deciso di puntare sulla filiera turistica denominata “Agrigento c’è”. Capitale umano e professionale al centro di un progetto “propulsore d’innovazione”

AGRIGENTO – Dopo il rientro dal periodo emergenziale è tempo di ripartire e gli operatori del territorio hanno deciso di farlo puntando sulla filiera turistica denominata “Agrigento c’è”. L’obiettivo è mettere al centro le imprese turistiche, dando vita a un largo partenariato sul territorio.

A occuparsi della consegna di tutta la documentazione all’Ufficio protocollo del Comune agrigentino è stato il presidente del Consorzio turistico Valle dei Templi, Emanuele Farruggia. “Siamo consapevoli – ha detto – che c’è ancora molto da fare in termini di azione, di spinta e di interlocuzioni con le istituzioni, affinché il turismo diventi forza trainante dell’intera economia agrigentina”.

Allo stato attuale il problema principale è ripartire. Il lockdown e lo stop all’accoglienza hanno messo a dura prova ogni tipo di attività, ma la voglia di rimboccarsi le maniche è tanta. “Siamo fermamente convinti – ha aggiunto Farruggia – che unendo competenze, serietà e lavoro di squadra potremo rilanciare il settore e creare nuovamente economia: è una missione che siamo pronti ad affrontare. Anzi, è una scommessa che ci dà stimoli ed energie da profondere da qui al prossimo anno”.

Già dal nome scelto per questa filiera, è evidente che il prodotto turistico rappresenta una destinazione ben definita, quale è il territorio di Agrigento, ma il progetto nasce da un insieme di caratteristiche geografiche, culturali, storiche e infrastrutturali che lo riescono a definire, identificare e rendere fruibile. Un piano di lavoro, quindi, a tutto tondo, al fine di intensificare l’economia e poter vivere di turismo.

“Agrigento c’è – si legge nella nota stampa – investe sul capitale umano e professionale, che opererà per stimolare la domanda turistica attraverso il rilancio della destinazione finale. La filiera rappresenta, altresì, un’importante garanzia, per il turista, di una offerta esclusiva, di qualità e nel rispetto delle regole di sicurezza igienico sanitarie vigenti. Seppur molte attività stentano a ripartire, nonostante la crisi economica e finanziaria portata dalla pandemia, si registra un interesse per lo svago e i viaggi. Nel breve e nel lungo periodo, l’offerta ‘Agrigento c’è’ diverrà non solo un propulsore di innovazione e di sviluppo, ma anche un ammortizzatore economico-sociale”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684