“Usare il Recovery fund per alta velocità, ferrovie, infrastrutture” - QdS

“Usare il Recovery fund per alta velocità, ferrovie, infrastrutture”

redazione

“Usare il Recovery fund per alta velocità, ferrovie, infrastrutture”

venerdì 21 Agosto 2020 - 00:00

Da Anpit Sicilia richieste precise indirizzate al Governo nazionale e all'Unione europea. Secondo la presidente Lidia Dimasi il Ponte sullo Stretto è essenziale per dotare il Sud di quell'Alta velocità che potrebbe contribuire ai colmare il gap con il Nord. Il tunnel solo un'arma di distrazione

MESSINA – “Se non facciamo sentire alto adesso il grido della Sicilia, non avremo più la possibilità di rialzarci. Ed è un grido che deve arrivare a Roma e in Europa per affermare il pieno diritto alla mobilità e allo sviluppo. Senza il Ponte e senza le infrastrutture la Sicilia post-Covid farà un passo indietro irreversibile”. Così si è espressa, senza mezzi termini, Lidia Dimasi, presidente di Anpit Sicilia, Associazione nazionale industria e terziario, che aderisce alla mobilitazione permanente per il Recovery fund che ha visto nel flash mob organizzato a Messina il 31 luglio dalla Rete civica per le Infrastrutture nel Mezzogiorno la sua prima tappa.

“L’Anpit Sicilia – ha aggiunto – condivide la battaglia che il movimento trasversale sta portando avanti affinché al Mezzogiorno venga attribuita un’adeguata percentuale dei 209 miliardi del Recovery fund. Sottoscriviamo la lettera inviata al Presidente Mattarella e alle Istituzioni. La Sicilia deve avere pari opportunità in termini di alta velocità, alta capacità ferroviaria, infrastrutture”.

“In tal senso – ha osservato – consideriamo la bizzarra ipotesi del tunnel, avanzata dal premier Conte, su suggerimento del vice ministro Cancelleri, come un maldestro tentativo per distrarre l’opinione pubblica su progetti irrealizzabili e fantasiosi. Un modo insomma per non fare niente e dirottare le risorse al Nord. Restituire centralità a Messina e alla Sicilia nel Mediterraneo equivale a colmare quel gap infrastrutturale che è andato sempre più ampliandosi nell’ultimo mezzo secolo”.

“Non ci battiamo solo per il Ponte – ha concluso – ma per l’alta velocità, le Zes, il potenziamento del sistema portuale e aeroportuale”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684