Archeologia, ricerche nel mare di Mozia con Università tedesca - QdS

Archeologia, ricerche nel mare di Mozia con Università tedesca

redazione web

Archeologia, ricerche nel mare di Mozia con Università tedesca

venerdì 23 Luglio 2021 - 09:06

La campagna è coordinata dalla Soprintendenza del mare. Valeria Li Vigni, "Probabile presenza di un'imbarcazione punica". In una nota dell'Assessorato tutti i reperti finora trovati nelle acque

Una campagna di ricerca archeologica è in corso da circa un mese sui fondali marini intorno all’isola di Mozia dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Bgfu (Baverysch Gesellschaft fur Unterwasserarchaologie) di Monaco di Baviera.

Sono impegnati laureati e ricercatori dell’università di Marburg e Ludwig Maximillian.

Due i gruppi di studio all’opera. Il primo ha già completato la sua attività a metà luglio. L’altro è attualmente al lavoro.

“La ricerca – spiega una nota dell’assessorato regionale ai Beni culturali – è finalizzata a indagare la presenza di strutture circolari nelle acque antistanti Porta Sud e Porta Ovest attraverso un programma di ricerca che ne prevede il rilievo e le indagini di approfondimento”.

“Riteniamo particolarmente proficua – ha sottolineato la soprintendente del mare Valeria Li Vigni – questa campagna che ha fornito elementi sulla probabile presenza di un’imbarcazione punica con fasciame portante, staminali e madieri di sostegno”.

Il saggio stratigrafico, spiega la nota dell’assessorato regionale, “è stato praticato nella parte adiacente la struttura di Porta Sud, mediante un taglio attraverso la vegetazione marina fino a raggiungere uno strato sigillato. In quest’area, alla profondità di mt 1,30 è stata rinvenuta una macina in pietra insieme a diversi frammenti di ceramica tra cui, riconoscibile, l’orlo di un’anfora punica di produzione soluntina databile al IV secolo a.C. e sei frammenti lignei di circa 20 cm di lunghezza ciascuno”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684