Beni archeologici, undicimila reperti sequestrati in Sicilia - QdS

Beni archeologici, undicimila reperti sequestrati in Sicilia

redazione web

Beni archeologici, undicimila reperti sequestrati in Sicilia

sabato 27 Novembre 2021 - 09:00

Provenienti da Himera, Morgantina e Megara, erano nascosti nelle due case, di Caronia (Messina) e Siracusa, della stessa persona. Denunciata dai Carabinieri del nucleo Tutela del patrimonio culturale

Oltre undicimila reperti archeologici provenienti da scavi clandestini sono stati sequestrati da Carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo, in collaborazione con la sezione di Siracusa e la compagnia di Santo Stefano di Camastra.

I reperti si trovavano in due diverse abitazioni, appartenenti però alla stessa persona, nei Comuni di Caronia (Messina) e di Siracusa.

La persona, della quale non è stato reso noto il nome, è stata denunciata per “ricerche archeologiche non autorizzate e impossessamento di beni culturali appartenenti allo Stato”, reati previsti dal “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio”.

Tra gli oltre undicimila reperti archeologici sequestrati ci sono lucerne, pesi da telaio, testine, oscilla, tessere di mosaico, elementi in pasta vitrea, elementi in bronzo, frammenti ceramici risalenti a varie epoche (arcaica, a vernice nera, rosa, di età medioevale).

Il tutto corredato da “pizzini” con l’indicazione dei siti archeologici siciliani di provenienza, tra cui Himera, Morgantina e Megara Hyblea.

L’indagine che ha condotto al sequestro è stata coordinata dalla Procura di Patti ed era stata avviata dopo una segnalazione pervenuta alla Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Messina su scavi clandestini avvenuti nell’area archeologica di “Halaesa Arconidea” nel territorio di Tusa (Messina), sito risalente al 403 avanti Cristo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684