Ars, scandalo bonus 600 da euro,“Chi lo ha preso parli” - QdS

Ars, scandalo bonus 600 da euro,“Chi lo ha preso parli”

redazione

Ars, scandalo bonus 600 da euro,“Chi lo ha preso parli”

mercoledì 12 Agosto 2020 - 05:05
Ars, scandalo bonus 600 da euro,“Chi lo ha preso parli”

Lo chiede il capogruppo del M5s Giorgio Pasqua, dichiarando che il partito rinuncerà al diritto alla privacy e autorizzerà l'Inps a rendere pubbliche eventuali informazioni su richieste indennità covid-19, congedo parentale e credito d'imposta

“I deputati che hanno chiesto il bonus da 600 euro, potendo contare su entrate mensili nettamente fuori dalla portata della stragrande maggioranza delle famiglie siciliane, hanno commesso un atto esecrabile dal punto di vista etico, dal quale prendiamo nettamente le distanze. Fatto ancora più grave, se inquadrato in un contesto economico gravissimo che ha portato parecchie imprese alla chiusura e tantissimi cittadini a ricorrere all’aiuto della Caritas e dei servizi sociali per tirare avanti”. Lo hanno affermato i deputati del M5s all’Ars.

“Chi ha avuto il coraggio di scagliare il sasso dell’inopportuna e immorale richiesta – ha dichiarato il capogruppo Giorgio Pasqua – ora abbia il pudore di non nascondere la mano, barricandosi dietro quel diritto alla privacy che spesso finisce per essere rifugio per le più orribili nefandezze. Noi a quel diritto rinunciamo sin da ora, autorizzando gli enti erogatori dei bonus a diffondere eventuali nostre richieste. E ci riferiamo non solo al bonus da 6 00 euro, ma anche a quello baby sitter, al congedo parentale, al credito di imposta e a tutte le agevolazioni pensate per chi si trovava veramente in difficoltà. La stessa operazione di rinuncia al diritto alla privacy chiediamo a tutti i deputati del Parlamento siciliano”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684