Capannone industriale trasformato in discarica, sequestro a Mazara del Vallo - QdS

Capannone industriale trasformato in discarica, sequestro a Mazara del Vallo

redazione

Capannone industriale trasformato in discarica, sequestro a Mazara del Vallo

giovedì 05 Marzo 2020 - 16:43

Il personale della Uigos e della Sezione investigativa del Commissariato, congiuntamente agli operatori del Dipartimento Arpa di Trapani, ha sequestrato un capannone di oltre 400 mq a Mazara del Vallo, per abbandono incontrollato di rifiuti e per illecita gestione della loro raccolta.

I poliziotti e il personale dell’Agenzia regionale di tutela dell’ambiente, in esecuzione di una delega emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, una volta fatto accesso all’interno dell’area interessata, sita in zona periferica della città, hanno constatato che la ditta impegnata nella raccolta di alcune tipologie di rifiuti, aveva ivi depositato diversi fusti di olio esausto in modo illecito, in aperta violazione delle prescrizioni contenute nei provvedimenti autorizzativi all’uopo rilasciate.

Sia all’interno del capannone che all’esterno, in un’area immediatamente adiacente, erano stati accatastati numerosi contenitori con residui di olii di scarto, misti a rifiuti organici, che venivano illecitamente trattati dalla ditta in parola.

Personale dell’Agenzia ha raccolto campioni di terreno, al fine di verificare il loro eventuale inquinamento a causa degli sversamenti dei liquidi presenti. Al termine della complessa attività, l’intera area è stata posta sotto sequestro al fine di arrestare l’illecita gestione ed esperire, al contempo, tutti gli accertamenti necessari, tanto sotto il profilo documentale che per quanto concerne riguarda la tipologia degli agenti chimici inquinanti utilizzati dai titolari nell’occorso denunciati all’Autorità giudiziaria competente per gli specifici reati ambientali.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684