Carnevale di Acireale e Misterbianco, fine aprile e maggio in maschera

Carnevale di Acireale e Misterbianco, i programmi e gli eventi clou

web-dr

Carnevale di Acireale e Misterbianco, i programmi e gli eventi clou

Antonio Licitra  |
giovedì 21 Aprile 2022 - 19:00

In seguito alla pandemia si è deciso di spostare il Carnevale di Acireale alla settimana dopo Pasqua. Anche a Misterbianco si comincia da venerdì.

Torna il Carnevale il Sicilia, e non è uno scherzo! In seguito alla pandemia si è deciso di spostare il Carnevale di Acireale alla settimana dopo Pasqua. E così ci troviamo ora a ridosso dell’evento.

In esclusiva per il Quotidiano di Sicilia, l’avv. Gaetano Cundari presidente della Fondazione Carnevale di Acireale (Carnevale che è considerato il terzo in Italia per storicità e con l’appellativo de: “Il più bel Carnevale di Sicilia”), ha fatto il punto su quella che sarà l’edizione di quest’anno ed inoltre ha mostrato parte di ciò che è visibile all’interno del museo dedicato al Carnevale.

Le novità del Carnevale di Acireale “primaverile”

“Le novità per quest’anno, è senza dubbio lo slittamento della data, non dovuto alla volontà della fondazione, bensì alle vicende collegate alla pandemia. Il Carnevale, slitta, così, nel periodo post-Pasqua a cavallo con la fine delle misure straordinarie che sono state sancite per il 30 Aprile.

Abbiamo, dunque, pensato di dar vita al Carnevale proprio a partire dall’ultimo week-end di Aprile (23-24 Aprile) per proseguire nei primi due week-end di Maggio (30 Aprile – 1° Maggio e 7-8 Maggio).

I momenti salienti del programma

Durante queste giornate ci saranno le sfilate dei carri allegorici-grotteschi mentre in questo fine settimana ci saranno anche i carri infiorati. Naturalmente, non mancheranno le manifestazioni collaterali che sono già di fatto partite. Nel museo del Carnevale di Acireale, ad esempio, sono già in esposizione tutti i carri in miniatura in concorso.

Il momento clou di quest’anno sarà tra venerdì e sabato dove verrà presentato il World Wide Carnival, ovvero la mappatura di tutti i carnevali del mondo, realizzata dall’Università di Salerno che verrà presentata per la prima volta proprio al Carnevale di Acireale. Ci saranno in collegamento una serie di carnevali da tutto il mondo, tra cui quello di Rio de Janeiro. Inoltre, vi sarà la partecipazione di più di cento maschere provenienti da tutti i Carnevali d’Italia che hanno accettato il nostro invito. Sarà una manifestazione di livello nazionale che porta Acireale al centro di quello che è il movimento dei Carnevali d’Italia.”

Quali sono le origini del Carnevale di Acireale?

“La storia del Carnevale ad Acireale, vanta una nascita intorno al 1600. Sono delle vere e proprie origini popolari e vi si trovano già le prime tracce al 1667 con un finanziamento dato dalla municipalità a favore della congregazione organizzatrice del Carnevale. Nasce come festa di popolo e questa è la tradizione che abbiamo voluto riprendere nell’organizzazione dei Carnevali moderni. Ogni cantiere, infatti, mantiene l’allegria e l’allegoria delle proprie opere ed attraverso le esibizioni si toccano vari temi sociali. Il Carnevale di Acireale si propone in questo senso caratterizzato da un’attività sociale importante che stiamo cercando di migliorare attraverso la scuola della cartapesta ed altre attività presenti in tutto l’anno. Il Carnevale, quindi, non diventa più solo una festa a fine turistico per il periodo di destagionalizzazione ma diventa un’iniziativa che copre l’intero arco dell’anno per divenire attività culturale e di promozione per l’intero territorio.”

Il museo del Carnevale di Acireale

Dove si trova il museo e come è possibile visitarlo?

“Il museo, si trova presso il Palazzo del Turismo dove ha sede la Fondazione del Carnevale di Acireale. All’interno troviamo tantissime opere realizzate da giovanissimi artisti che rappresenteranno il futuro del Carnevale di Acireale.”

Come si realizza un carro e quali sono le tempistiche?

“I carri grandi hanno una lavorazione estremamente lunga e ci vogliono circa 3-4 mesi per realizzarli. La realizzazione di un carro avviene seguendo determinate fasi: Iniziando dalla modellatura che avviene utilizzando la creta e successivamente si realizza il cosiddetto “negativo” che avviene attraverso un gettito di gesso. All’interno del negativo viene poi incollata la carta (con la colla realizzata con un mix di farina e acqua) e non appena la forma sarà asciutta, viene tirata fuori la base per la realizzazione del carro. Successivamente, viene passata una mano di vernice rassodante ed una volta asciutta si otterrà il prodotto finito. La lavorazione, quindi, è estremamente pesante ed importante e richiede molto tempo ed una grande arte per essere portata a termine in maniera decorosa.

Altra lavorazione è quella dei carri infiorati, realizzati da quarantamila garofani ciascuno che rappresentano svariati temi, da quelli fantasiosi a quelli di attualità. Anche lì, vi sono dei maestri fiorai che hanno una grande capacità di composizione delle immagini attraverso i fiori. Queste immagini sono particolarmente difficili da realizzare proprio perché la materia non permette la finitura che può essere data alla carta attraverso la manipolazione della stessa.”

Il percorso dei carri per il carnevale di Acireale 2022

Infine, quale sarà il percorso dei carri di quest’anno e quale sarà il costo del ticket?

“Il percorso è quello tradizionale del centro storico. Si pagherà un ticket di 5€ a persona con possibilità di richiedere abbonamenti per i gruppi che permetteranno di risparmiare un ingresso ogni 5 ingressi. Inoltre, le manifestazioni inizieranno la mattina in maniera tale da poter diluire ulteriormente l’afflusso attraverso i cinque varchi d’ingresso evitando così di creare assembramenti. Invitiamo tutti a partecipare al Carnevale in modo intelligente.”

Carnevale di Misterbianco dal 22 aprile

In esclusiva per il Quotidiano di Sicilia, Dario Moscato, assessore allo spettacolo del comune di Misterbianco, ha presentato il Carnevale di Misterbianco 2022.

Cosa rappresenta il Carnevale per i misterbianchesi?

“Il Carnevale per Misterbianco rappresenta un’importante vetrina ed è un vero e proprio patrimonio per la comunità. Il nostro Carnevale è iscritto nei beni immateriali della Regione Sicilia tutelati dall’Unesco, questo a dimostrazione della sua importanza e della sua storicità. Per i misterbianchesi rappresenta uno dei momenti più importanti del calendario della vita del nostro paese e di ciascuno dei suoi abitanti. Il Carnevale, infatti, è un insieme di amore, passione, arte, cultura e tradizione. Il fatto che la pandemia non ci abbia permesso di poterlo festeggiare negli ultimi due anni, ci ha fatto scattare la voglia e la follia di volerlo organizzare in un momento che non si presta pienamente al Carnevale ovvero alla fine di Maggio con una piccola anteprima questo fine settimana. Sarà, quindi, un Carnevale destagionalizzato.”

Un Carnevale che senza dubbio è importante non solo dal punto di vista artistico ma senza dubbio anche da quello turistico e commerciale. Quale sarà il programma e le novità di quest’edizione?

“Siamo un’amministrazione molto legata alle tradizioni. Nell’apportare le innovazioni, in tal senso, lasceremo vive alcune delle manifestazioni più importanti.

Nell’anteprima del 22-24 Aprile ripartiremo con la mostra dei cappelli e dei copricapi alla Galleria Civica. Ci sarà una piccola sfilata nella serata di domenica con uno spettacolo condotto da Salvo La Rosa e da Carmelo Caccamo. A Maggio, invece, faremo alcuni spettacoli di soli vestiti senza i carri e speriamo di portare in piazza il grande spettacolo artistico, in programma Sabato 28 Maggio. Uno dei momenti più belli ed attesi sarà la sfilata dei bambini, prevista per il 26 Maggio, con i costumi che le mamme, le maestre e le nonne hanno preparato per loro.”

Com’è possibile raggiungere il Carnevale per chi viene da fuori?

Stiamo predisponendo una grande area camper in Piazza Pertini (nota anche come Piazza Mercato) e nel parcheggio del PalaTenda. In tal senso, stiamo realizzando alcune locandine e del materiale da far girare nei social per dare delle indicazioni stradali corrette. Nel momento in cui si svolgono delle sfilate nel centro cittadino, chiaramente la mobilità ne risente in maniera importante. In tal senso, stiamo realizzando dei grandi parcheggi con dei servizi di bus navetta che collegheranno queste aree con il centro storico. L’ospitalità sarà al centro della nostra attenzione. Cercheremo, insieme alla Pro Loco di Misterbianco, di organizzare i giochi che si svolgevano una volta.”

Antonio Licitra

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684