Clima, l'ira della organizzazioni ambientaliste, "un tradimento" - QdS

Clima, l’ira della organizzazioni ambientaliste, “un tradimento”

web-j

Clima, l’ira della organizzazioni ambientaliste, “un tradimento”

web-j |
domenica 14 Novembre 2021 - 14:14

La Cop26 Coalition, gruppo che riunisce alcune delle più grandi organizzazioni ambientaliste, si scaglia contro l'accordo raggiunto ieri alla conferenza sul clima di Glasgow

La Cop26 Coalition, gruppo che riunisce alcune delle più grandi organizzazioni ambientaliste e della società civile di tutto il mondo, ha definito “un tradimento” l’accordo raggiunto ieri sera alla conferenza sul clima di Glasgow.

“Questo accordo è un totale tradimento del popolo. Sono
parole vuote sull’emergenza climatica dai Paesi più ricchi, con un totale
disprezzo della scienza e della giustizia. Il greenwash del governo del Regno
Unito e le pubbliche relazioni ci hanno deviato dalla rotta, ha detto il
portavoce Asad Rehman in un discorso infuocato tenuto a margine della plenaria
di chiusura.

“I ricchi si sono rifiutati di fare la loro parte, con
parole vuote sulla finanza climatica e voltando le spalle ai più poveri che
stanno affrontando una crisi di Covid unita all’apartheid economico e
climatico, tutto causato dalle azioni dei più ricchi”.

Per la Cop26 Coalition è “immorale che i ricchi se ne
stiano seduti lì a parlare dei figli e nipoti che verranno, quando ora i
bambini del sud stanno soffrendo. Questo poliziotto non è riuscito a mantenere
in vita 1,5°C e ci ha messo su un percorso a 2,5°C. Il tutto mentre affermavano
di agire mentre incendiavano il pianeta.

“Alla Cop26, i più ricchi hanno ottenuto ciò per cui sono venuti qui e i più poveri se ne vanno senza niente. Le persone si stanno sollevando in tutto il mondo per chiedere conto ai nostri governi e alle nostre società e farli agire”. (askanews)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684