Comunicazione: Salvini e il mitra pasquale, Morisi nella bufera - QdS

Comunicazione: Salvini e il mitra pasquale, Morisi nella bufera

redazione

Comunicazione: Salvini e il mitra pasquale, Morisi nella bufera

lunedì 22 Aprile 2019 - 08:49
Comunicazione: Salvini e il mitra pasquale, Morisi nella bufera

Ha postato ieri sulla propria pagina Fb un'immagine, poi rimossa, del capo della Lega Nord e ministro dell'Interno con il testo, "Siamo armati! Buona Pasqua!". Valanga di ironie (sembra Sturmtruppen) e critiche. Anche perché lo spin doctor è pagato dalla collettività

Il lunedì di Pasqua non escono i giornali, ma la foto del capo della Lega Nord e ministro dell’Interno Matteo Salvini armato di mitra postata (e poi rimossa) dal suo spin doctor sulla propria pagina Facebook nel giorno di Pasqua dal ha fatto il giro del web suscitando accesi commenti.

Luca Morisi è – a spese della comunità – e conduttore della potente macchina di Comunicazione del “capitano” del Carroccio, chiamata, non a caso, “La Bestia”.

Anche stavolta però – qualche giorno fa Morisi, mentre il mondo seguiva con apprensione quanto avveniva a Notre Dame, inserì sui social un messaggio che dava Salvini a seguire in tv il Grande Fratello – la Bestia ha fallito, e lo spin doctor è stato costretto a correre ai ripari eliminando il post del mitra pasquale e il relativo testo, che recitava: “Vi siete accorti che fanno di tutto per gettare fango sulla Lega? Si avvicinano le Europee e se ne inventeranno di ogni per fermare il Capitano. Ma noi siamo armati e dotati di elmetto! Avanti tutta, Buona Pasqua!”.

All’apparizione del post, infatti, si era scatenato l’inferno.

“Un messaggio minaccioso, pericoloso – lo ha definito Nicola Fratoianni di Leu -, istigatore di possibili future violenze. Un consigliere ministeriale del ministro dell’Interno non può permetterselo. Non basta che cancelli il post Venga subito allontanato”.

“Salvini – ha dichiarato il sindaco di Napoli, l’ex magistrato Luigi de Magistris – è in preda a un delirio di onnipotenza: si sente capo del governo, capo delle forze armate, capo della guardia costiera, capo della polizia. Adesso vergognosamente impugna spavaldo un mitra, forse è davvero il capo… ma di altro purtroppo… chi indovina?”.

Lo scrittore Roberto Saviano ha aggiunto che “Questo signore, pagato con i nostri soldi” ha deciso “di minacciare l’opposizione al MinistroDellaMalaVita con una foto che lascia poco all’immaginazione: Salvini armato e con dietro uomini in divisa. Messaggio chiaro per chiunque lo critichi. Messaggio eloquente e agghiacciante. Luca Morisi è una persona pericolosa, ma di questo pericolo dovrebbe occuparsi il suo datore di lavoro. Difficilmente lo farà”.

“Ma noi, Morisi – ha aggiunto Saviano – non abbiamo paura. Un giorno lei risponderà del male che sta seminando. Nel frattempo spero che qualcuno la cacci via e la processi per istigazione a delinquere, reato procedibile d’ufficio e che quindi ognuno di noi può denunciare. Vi invito a farlo”.

Di “post grave, inaccettabile e disgustoso, che va portato all’attenzione dei magistrati” ha parlato anche Beatrice Brignone, segretaria di “Possibile”.

“Ha ragione Saviano – ha sottolineato -, ci sono davvero i presupposti per il reato di istigazione a delinquere. Se questo è il livello della propaganda c’è davvero da preoccuparsi sullo stato di salute della democrazia”

Pina Picierno, europarlamentare del Pd, ha chiesto a Salvini di prendere “immediatamente e con chiarezza le distanze dal post che il suo social media manager ha pubblicato: non c’è nessuna guerra in corso contro la Lega, né bisogno di armarsi con mitra ed elmetto. Morisi si vergogni e chieda scusa. Più che armarsi di elmetto consiglio vivamente di armarsi di cervello”.

Ma c’è stato anche chi ha usato “l’arma” dell’ironia: “Matteo Salvini con quel mitra in mano sembra il sergente delle Sturmtruppen” ha affermato Massimiliano Smeriglio, candidato alle europee del Pd.

“Se quell’uomo – ha aggiunto – non fosse il ministro dell’Interno della Repubblica Italiana sarebbe solo un’immagine ridicola e patetica e non un’inaccettabile provocazione nel giorno, già funestato dall’attentato in Sri Lanka, in cui gli italiani cercano pace e serenità familiare”.

C’è stato infine chi ha scherzosamente ipotizzato che Salvini avrebbe prima poi dichiarato di aver trovato il mitra… nell’uovo di Pasqua.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684