Concessioni balneari, vertice con Cordaro ad Agrigento - QdS

Concessioni balneari, vertice con Cordaro ad Agrigento

redazione web

Concessioni balneari, vertice con Cordaro ad Agrigento

martedì 30 Novembre 2021 - 07:44

L'incontro, con cinquanta imprenditori e l'assessore al Territorio, voluto dal Sib Confcommercio “per difendere la categoria dopo le recenti sentenze del Consiglio di Stato"

La sorte delle concessioni balneari è stata al centro di un incontro, ad Agrigento, voluto dal Sib Confcommercio “per difendere la categoria dopo le recenti sentenze del Consiglio di Stato (numero 17 e 18 del 9 novembre 2021), che hanno di fatto resa nulla l’estensione al 2033 della validità delle Concessioni Demaniali Marittime, imponendo alle amministrazioni di effettuare le gare a evidenza pubblica entro il 2023”.

Oltre cinquanta gli imprenditori del settore che “Confcommercio non vuole lasciare soli”, così come ribadito dal presidente provinciale della confederazione, Giuseppe Caruana.

Presenti, tra gli altri, anche il presidente nazionale e quello regionale del Sindacato balneari, Antonio Capacchione e Ignazio Ragusa, l’assessore regionale Toto Cordaro, il presidente della Commissione territorio e ambiente dell’Ars, Giusi Savarino, il deputato del movimento 5 stelle, Filippo Perconti, l’assessore comunale di Agrigento, Gerlando Principato e , per l’amministrazione di Sciacca, Filippo Morello e Michele Bacchi.

“Abbiamo avuto un quadro più chiaro – dice Caruana – non è una cosa semplice da risolvere ma faremo una battaglia per far valere i diritti dei nostri associati”.

La presenza di tanti imprenditori del settore all’incontro dimostra la volontà di continuare a portare avanti una lotta per l’impresa e per i dipendenti.

“Ai politici – dice Gero Niesi, vice presidente vicario delegato Sib provinciale di Confcommercio Agrigento – abbiamo chiesto di portare la questione nelle sedi istituzionali, regionali e nazionali. Ai Comuni abbiamo chiesto di farsi trovare pronti con il piano spiaggia, evitando così un ulteriore problema”.

La questione impone una riflessione attenta e rigorosa, un dibattito che deve tenere conto di tutti gli interessi in campo partendo dalle peculiarità del territorio, dalle scelte messe in campo e soprattutto dal lavoro di decine di tante persone.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684