Aumento costi conto corrente 2023, ecco quale scegliere

Conto corrente, aumentano i costi per la gestione, raffica di rincari nel 2023: ecco perché

epmedia

Conto corrente, aumentano i costi per la gestione, raffica di rincari nel 2023: ecco perché

epmedia |
sabato 21 Gennaio 2023 - 11:55
ingresso in banca da 1 aprile

Il 2023 si è aperto con un rincaro delle spese di gestione del conto in banca, sia per quello tradizionale sia per quello online. Aumenti anche al canone annuo e alle commissioni allo sportello

L’inflazione non risparmia nessuno. Per chi ha il conto corrente, si registra un aumento dei costi nel 2023. La tendenza al rialzo, infatti, che ha interessato dunque anche il settore bancario, si riflette nell’incremento dei costi fissi e delle commissioni applicate collegate al normale utilizzo del nostro contro corrente.

E’ quello che emerge, dall’indagine dell’Osservatorio SOStariffe.it e ConfrontaConti.it fotografa al meglio l’evoluzione del settore nel corso degli ultimi 12 mesi mettendo a confronto i dati di febbraio 2022 con quelli di gennaio 2023.

Perché sono aumentati i costi del conto corrente nel 2023

Il trend che emerge è chiaro: sui risparmiatori grava un aumento generalizzato dei costi che, complessivamente, raggiunge un +7 percento all’anno, con un picco del +26 percento per chi sceglie di affidarsi ad un conto corrente online il quale, fino allo scorso anno, rappresentava l’opzione più economica rispetto ai conti tradizionali.

Anche se scegliere un conto online continua ad essere l’alternativa per il risparmio, con la possibilità di ridurre la spesa fino a 90 euro all’anno.

Aumento dei costi per la gestione del conto corrente, ecco perché

Tra le cause principali dell’aumento, oltre all’inflazione, si registra un incremento del canone annuo pari a +5% per le banche tradizionale e d+8% per le banche online.

Non esistono conti a zero spese

Diventano sempre più rari i conti a zero spese con la possibilità di azzerare il canone concessa solo in casi specifici (ad esempio per i clienti Under 30). Salgono anche i costi per le commissioni applicate alle operazioni allo sportello.

Le filiali bancarie

Le filiali sparse sul territorio, infatti, rappresentano un costo sempre più rilevante per gli istituti bancari che sono costretti ad incrementare le commissioni per rendere sostenibile il servizio di assistenza “diretta” alla propria clientela. Rispetto allo scorso anno, infatti, si registrano rincari per i movimenti, per il prelievo, per i versamenti ed anche per i bonifici allo sportello.

Aumenti anche per il costo singolo degli assegni.

In generale, quindi, effettuare operazioni allo sportello, anche per i correntisti che hanno scelto una banca che opera prevalentemente online, comporta una spesa maggiore rispetto al 2022.

Le commissioni sul prelievo

Stabili invece i costi delle carte di pagamento mentre aumentano le commissioni sul prelievo per le banche tradizionali e calano invece quelle per le banche online.

Conto online o tradizionale? Ecco quale scegliere

Nonostante il conto corrente online continua ad essere la scelta giusta per risparmiare nella gestione del denaro, rispetto allo scorso anno bisogna considerare un aumento medio della spesa annua del +20 percento, con un esborso complessivo di 634 euro (+9 euro rispetto alle rilevazioni del 2022).

Per quanto riguarda i conti tradizionali, invece, l’aumento maggiore dei costi si registra in caso di utilizzo online. Scegliere un conto tradizionale e affidarsi esclusivamente ai servizi di Home Banking, infatti, comporta una spesa media del +5 percento con valore complessivo di 116 euro.

Si tratta, in ogni caso, della modalità di utilizzo più economica in quanto un uso misto comporta una spesa di 152 euro (+7 percento) e un utilizzo “No Internet” prevede una spesa di 193 euro all’anno (+5 percento).

Gli aumenti del conto corrente: le differenze per single coppie e famiglie

A livello sociologico, per quanto riguarda il conto online, non cambia di molto la spesa del single che continua a spendere circa 46 euro all’anno per il proprio conto corrente e tutti i servizi collegati.

Diverso il discorso per quanto riguarda Coppie e per la Famiglie che registrano, rispettivamente, +26 percento  e +25 percento su base annua.

Se si considerano i conti tradizionali, invece, anche in questo caso il single è toccato solo marginalmente dai rincari (la spesa media in caso di utilizzo solo online registra un calo pari al -1%).

Per le Coppie che scelgono un conto tradizionale, invece, gli aumenti sono più significativi con rincari che vanno dal +7 percento al +9 percento in base alla modalità di utilizzo del conto.

L’aumento maggiore, infatti, arriva per la famiglia che sceglie un conto tradizionale con utilizzo misto. In questo caso la spesa aumenta del +11 percento. Più contenuti i rincari per uso online (+6 percento) e con uso No Internet (+6 percento).

Carte di credito e bancomat, quali sono i costi nel 2023?

E le carte di credito e i bancomat? Qui si registrano costi sostanzialmente stabili. Modifiche marginali arrivano per il canone annuo (+2,7% per le banche tradizionali e -2,88% per le banche online), mentre la carta di debito è quasi sempre gratuita (tra le banche che la propongono a pagamento si registra, inoltre, un calo del -20% del costo). Leggero aumento per le commissioni sul prelievo per le banche tradizionali, mentre calano le commissioni per le banche online.

Come ridurre i costi per prelevare il contante

Per azzerare i costi per l’accesso al contante, in ogni caso, è possibile fare riferimento agli sportelli automatici del proprio istituto. Come già emerso in passato, infatti, il prelievo dall’Atm della propria banca è sempre senza commissioni.

Il prelievo all’Atm di un’altra banca, invece, comporta una commissione media di 1,24 euro per le banche online e di 1,98 euro per quelle tradizionali con possibilità, in molti casi, di azzerare completamente il costo superando un importo minimo per l’operazione fissato dalle condizioni contrattuali della banca.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001