Cordoli in via Umberto, Zappalà li contesta: si scatena la polemica

Cordoli in via Umberto, Zappalà li contesta: sui social si scatena la polemica

web-mt

Cordoli in via Umberto, Zappalà li contesta: sui social si scatena la polemica

web-mt |
giovedì 11 Agosto 2022 - 09:55

Come già accaduto in passato, c'è chi contesta la decisione del Comune sostenendo che le corsie preferenziali danneggerebbero i commercianti.

I cordoli della discordia. Appena posizionate in via Umberto, a Catania, le barriere per isolare le corsie preferenziali degli autobus, stanno già facendo discutere. Come già accaduto in passato, sebbene con meno enfasi, anche in questo caso c’è chi contesta la decisione del Comune sostenendo che le corsie preferenziali danneggerebbero i commercianti.

La polemica sui cordoli

Una delle voci che attacca la realizzazione della corsia protetta per il Brt5 – la linea veloce di autobus che da Cannizzaro porterà in centro storico – è quella del consigliere comunale e candidato sindaco Lanfranco Zappalà. l’esponente politico esprime la propria posizione su Facebook. “Via Umberto …un’altra scelta di questa amministrazione: mettere i cordoli senza che vi sia stata una minima concertazione con le categorie dei commercianti. Sono certo che per i negozianti, questa situazione possa creare notevoli problemi”. Una posizione sposata da alcuni cittadini che commentano il post, ma contestata da altri.

I commenti al post

I cordoli impediranno uno dei malcostumi pi diffusi proprio nell’elegante via cittadina, cioè la sosta in doppia fila che, se a Catania è diffusa, in via Umberto forse lo è di più. Ed è su questo che puntano molto i commenti contrari a quanto scritto da Zappalà. “Perché pensi che posteggiare in doppia o tripla fila sia più giusto e civile che prendere l’autobus per fare compere?”, scrive qualcuno. “Ci indica l’elenco delle motivazioni che la spingono a non condividere la scelta di istallare i cordoli?”, scrive qualcun altro. In ogni caso, a differenza di quanto accaduto in viale Vittorio Veneto qualche anno fa, quando l’insurrezione popolare portò l’amministrazione Pogliese a smontare i cordoli centrali, sembra che stavolta non solo non si tornerà indietro, ma presto saranno cordolate altre vie.

Le prossime corsie preferenziali

L’Amts, l’azienda che gestisce trasporto pubblico e sosta, intende infatti portare avanti anche il Brt2, quello per intenderci che dovrebbe collegare l’asse dei Viali. Insomma, che dovrebbe restringere il viale Mario Rapisardi, altra via trafficata e soffocata dalle auto in doppia fila. Chissà quali scudi si leveranno in quel caso.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684