Coronavirus e rimborsi viaggi, che fare - QdS

Coronavirus e rimborsi viaggi, che fare

Michele Giuliano

Coronavirus e rimborsi viaggi, che fare

martedì 30 Giugno 2020 - 00:00
Coronavirus e rimborsi viaggi, che fare

Diritto al rimborso anche per chi ha già preso in cambio i voucher perché “costretto” dall’operatore. Dopo l’Antitrust interviene anche l’Enac: “Le compagnie non possono imporre nulla”

PALERMO – Arrivata l’estate e la fase 3, sono ancora molti quelli che hanno deciso di non godere di vacanze estive in luoghi di villeggiatura in Italia o all’estero, a causa della pandemia ancora in corso. Viaggi spesso già prenotati lo scorso inverno, per i quali è stato sancito il diritto al rimborso senza alcun tipo di condizione. Contrariamente a quanto è stato fatto intendere, invece, da molti operatori del settore, che hanno spinto perché i clienti accettassero un voucher da spendere entro un certo lasso di tempo, presentato come unica opzione possibile.

“Il nostro consiglio è di far valere i propri diritti così come sanciti dal diritto dell’Unione Europea, dalla pronuncia dell’Antitrust e dalle indicazioni di Enac” – lo scrive con fermezza l’Aduc, Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori. Sarà possibile disdire tutto e richiedere il rimborso attraverso una raccomandata con ricevuta di ritorno o Pec di messa in mora all’operatore. Potrà farlo anche chi ha già accettato il voucher, qualora sia stato costretto dagli operatori a firmare una rinuncia al rimborso in denaro con la minaccia di perdere sia soldi che voucher.

Si tratta di un meccanismo che è stato avviato dalla legge italiana, che ha disposto che, per chi ha pagato un servizio turistico da effettuarsi nel periodo 23 febbraio-31 luglio, ma non ha potuto usufruirne a causa dell’emergenza sanitaria, le possibilità fossero il rimborso in denaro oppure con voucher valido un anno.

Il decreto legge “Cura Italia” lo prevedeva in forma ambigua sin dalla sua emanazione a marzo, distinguendo tra recesso del consumatore e annullamento da parte dell’operatore. Il Parlamento ha poi convertito in legge il decreto “Cura Italia” a fine aprile, eliminando ogni possibile ambiguità: decide l’operatore turistico in tutti i casi.

“Va da sé che, salvo rare eccezioni, gli operatori offrono solo voucher, con il rischio più che concreto di non poterlo utilizzare e quindi di perdere tutto – scrivono dall’Aduc, che ha subito contestato la norma – perché in contrasto con la normativa dell’Unione Europea, oltre che è impensabile far pagare la crisi del settore turistico ai clienti”.

Sulla base di quanto deciso, gli operatori turistici hanno offerto solo voucher, e “anche su questi molti di loro fanno la cresta – scrive sempre l’associazione dei consumatori – con diminuzioni del valore del voucher al netto di penali inventate; validità del voucher per periodi più limitati; obbligo di fruire del voucher solo per servizi con prezzi indicizzati al momento della fruizione, con conseguente obbligo di dover pagare altri soldi per fruirne”.

Tutto è cambiato quando la Commissione Ue ha deciso di far valere il diritto europeo lo scorso 15 maggio, per cui è stato imposto agli Stati membri, Italia inclusa, di adeguare le legislazioni alle norme comunitarie entro il 28 maggio, pena la procedura d’infrazione: la scelta tra rimborso in denaro e voucher è solo del viaggiatore. In Italia, di conseguenza, si è prima espresso l’autorità Antitrust, che ha rilevato come la normativa italiana viola quella comunitaria. E il 19 giugno è intervenuta l’Enac, l’Ente nazionale Aviazione Civile, per sostenere che, secondo loro, dal 3 giugno scorso le compagnie aeree non possono imporre i voucher come rimborso. Cosa deve fare il viaggiatore? Aduc è chiaro sull’argomento: “Il nostro consiglio è di far valere i propri diritti così come sanciti dal diritto Ue, che prevale sul diritto italiano, dalla pronuncia dell’Antitrust e dalle indicazioni di Enac”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684