Coronavirus, Sicilia, crescono i casi, Randazzo zona rossa - QdS

Coronavirus, Sicilia, crescono i casi, Randazzo zona rossa

redazione web

Coronavirus, Sicilia, crescono i casi, Randazzo zona rossa

lunedì 19 Ottobre 2020 - 00:10
Coronavirus, Sicilia, crescono i casi, Randazzo zona rossa

A Sambuca di Sicilia, dopo quattro morti, svuotata la Rsa. Le partite di calcetto bloccate dai Carabinieri, mentre si è giocata Francavilla-Catania. Lo screening alle Eolie. Chiuso il polo tecnico del Comune di Palermo

Anche in Sicilia aumentano i nuovi positivi al coronavirus: sono 548, secondo il bollettino di ieri sera, con tre vittime e settanta pazienti in terapia intensiva.

Randazzo zona rossa

Ed è scattata una nuova zona rossa a Randazzo, nel Catanese, dove 97 casi positivi sono stati accertati attraverso il tampone molecolare e altri sessanta con quello rapido: un vero cluster territorializzato.

Il provvedimento è stato preso dal presidente della Regione Nello Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza.

L’ordinanza resterà in vigore fino alle 24 del 26 ottobre e nella cittadina alle pendici dell’Etna sarà vietata la circolazione, a piedi o con qualsiasi mezzo pubblico o privato, all’interno del territorio comunale, fatta eccezione per indifferibili esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute, ma anche per l’acquisto o il consumo di generi alimentari e l’acquisto di beni di prima necessità, per una sola volta al giorno.

La principale modalità di lavoro sarà lo smart-working.

Stop alle lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado, così come ai servizi dell’infanzia. Chiusi pure musei, biblioteche e luoghi di cultura, inoltre saranno vietati banchetti e feste private di qualunque tipo. Sospesi anche tutti gli eventi sportivi, le manifestazioni culturali, ludiche e religiose.

Montemaggiore pressoché chiuso

Anche il sindaco di Montemaggiore Belsito, nel palermitano, Antonio Mesi ha pressoché chiuso il paese dopo una recrudescenza dei contagi.

A Sambuca di Sicilia, dichiarata ieri zona rossa dal presidente della Regione Musumeci, la notte tra sabato e domenica è cominciata l’evacuazione della casa di riposo dove quattro anziani erano morti in pochi giorni.

In paese il numero delle persone positive è salito a 64, la maggior parte concentrate proprio nella Rsa.

Una sequenza di ambulanze

Una sequenza di ambulanze che nella notte attraversa il paese deserto, con i lampeggianti accesi, per prelevare gli anziani ospiti della casa di riposo: questa la scena alla quale hanno dovuto assistere, dalle finestre, gli abitanti di Sambuca, uno dei Borghi più belli d’Italia, che nel giro di poche settimane è passato da comune Covid free durante tutto il periodo della pandemia a “zona rossa”.

Il cluster è stato scoperto grazie anche alla decisione del sindaco, Leo Ciaccio, che nei giorni scorsi aveva lanciato la campagna per uno screening gratuito a tappeto tra tutti i dipendenti del Comune, degli uffici pubblici, e degli esercizi commerciali.

Ed è stato sempre il sindaco a sollecitare il trasferimento degli anziani in condizioni più gravi tra i trenta degenti della Rsa, tutti positivi insieme ai 14 operatori che li assistono.

Mezzojuso blindato

Anche a Mezzojuso, altro Comune zona rossa, il paese è blindato e sono stati attivati alcuni numeri di emergenza per la popolazione.

I contagiati al momento sono cinquanta e oggi l’Asp di Palermo riprenderà a eseguire i tamponi.

Intanto i Carabinieri in servizio nel paese, tutti positivi, proseguono la loro quarantena in caserma.

Sospesa partita di calcetto a Palermo

A Palermo, intanto, al Foro Italico, ieri mattina i militari dell’arma hanno bloccato una sessione di allenamento in vista di una partitella amatoriale di calcetto.

I Carabinieri sono intervenuti mentre un gruppo di giovani si stava allenando disattendendo le norme anti-covid previste dal nuovo Dpcm approvato dal governo.

I militari hanno allontanato i giovani calciatori e la partitella non si è giocata.

Secondi tamponi negativi, si gioca Francavilla-Catania

E’ stata disputata invece la partita Virtus Francavilla-Catania, valida per la quinta giornata del girone C del campionato di Serie C.

Infatti tutti i tamponi effettuati in Puglia sul gruppo etneo hanno escluso ulteriori positività al covid-19 dopo i quattro contagi (uno solo dei quali riguardante un giocatore) emersi ieri prima della partenza dalla Sicilia.

La squadra di Raffaele è scesa dunque regolarmente in campo alle 20.30 al Giovanni Paolo II per affrontare la Virtus Francavilla. E, per la cronaca, ha battuto la compagine di casa per una rete a zero.

Chiuso il polo tecnico del Comune di Palermo

A Palermo, intanto, mentre oggi dovrebbero riaprire, dopo la sanificazione, gli uffici dell’Assessorato regionale alla Salute, dopo la scoperta di un dipendente comunale risultato positivo, sarà chiuso fino a nuova comunicazione il Polo tecnico del Comune di Palermo in via Ausonia.

I locali saranno sanificati e sono iniziate le procedure di tracciamento da parte dell’Asp di Palermo per fare eseguire i tamponi a quanti hanno lavorato insieme al dipendente.

Positivi in scuola media, scatta la Dad

Sempre a Palermo, contagi sono stati registrati tra docenti e studenti della scuola media in via Del Fervore a Palermo che appartiene all’istituto comprensivo Luigi Capuana.

Il consiglio d’istituto ha deciso da oggi lo stop alle lezioni in presenza per una settimana per tutte le classi.

Bimba di 18 mesi ricoverata a Palermo

E una bimba di Riesi di 18 mesi risultata positiva è stata trasferita da un’ambulanza del 118 all’ospedale pediatrico “Di Cristina” di Palermo.

La piccola era stata prima trasportata al pronto soccorso infettivologico dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dov’era arrivata con febbre alta e convulsioni.

Screening alle Eolie, settecento tamponi e tre positivi

Si sta concludendo intanto la due giorni di screening a Lipari per verificare l’andamento della pandemia nelle Isole Eolie.

Sono stati finora eseguiti settecento tamponi tra Lipari e Vulcano, ai soggetti che ne avevano fatto richiesta su base volontaria.

Altri tamponi sono in corso di esecuzione a Filicudi.

Il bilancio in atto è di tre soggetti risultati positivi.

In settimana lo screening verrà completato effettuando i tamponi alla popolazione delle isole di Salina, Panarea, Stromboli, Ginostra e Alicudi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684