Corsi pratici di pasticceria e cucina per i detenuti del carcere Bodenza - QdS

Corsi pratici di pasticceria e cucina per i detenuti del carcere Bodenza

Elisa Saccullo

Corsi pratici di pasticceria e cucina per i detenuti del carcere Bodenza

venerdì 05 Luglio 2019 - 00:00
Corsi pratici di pasticceria e cucina per i detenuti del carcere Bodenza

Creare momenti di condivisione con la comunità esterna e favorire il reinserimento sociale. L’iniziativa, promossa da Cesam ed Enaip, avrà una durata totale di quattro mesi

ENNA – I corsi di pasticceria e cucina avviati in favore dei detenuti nel carcere Luigi Bodenza dureranno quattro mesi, grazie alla collaborazione del maestro pasticciere di Catenanuova Nuccio Daidone e dello chef Mario Messina.

Sono ben motivati ed entusiasti coloro i quali hanno deciso di partecipare a questi corsi. Specialmente i più giovani, che hanno iniziato a mettere grande impegno nel seguire le arti dolciaria e culinaria. I corsi di formazione sono stati promossi dall’ente di formazione Cesam ed Enaip (Ente nazionale Acli istruzione professionale), con l’intento di creare continui momenti di osmosi, interazione e interrelazione con la comunità esterna al fine di ridurre quanto più possibile il fossato fra la società e la piccola comunità della Casa circondariale. L’obiettivo, insomma, è agevolare il ritorno dei detenuti alla loro vita sociale, civile e culturale.

“Sono davvero ammirevoli – ha sottolineato Nuccio Daidone –l’entusiasmo e l’impegno che i corsisti hanno profondono nel seguire tali iniziative. Alcuni evidenziano naturali propensioni e talento per le attività di pasticceria e di cucina. Molti di loro potranno sicuramente impiegarsi in entrambi i settori”.

Nei giorni scorsi i detenuti nella Casa circondariale Bodenza sono stati protagonisti di una manifestazione artistico-culturale in cui hanno messo a frutto ciò che hanno già appreso nei due corsi, preparando un aperitivo rinforzato. L’evento, a scopo benefico, era destinato a finanziare il “Fondo detenuti indigenti” ed è stato sponsorizzato da imprenditori, associazioni di categoria, ristoratori e panettieri su organizzazione della direzione del carcere e dell’associazione Spiragli.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684