Covid e danni alla trachea, trapianto nuova frontiera - QdS

Covid e danni alla trachea, trapianto nuova frontiera

redazione web

Covid e danni alla trachea, trapianto nuova frontiera

sabato 20 Novembre 2021 - 10:34

La nuova tecnica illustrata a Taormina nel quindicesimo Pneumomeeting. Le trachee danneggiate dall'intubazione sostituite da un tratto d'aorta congelato che si indurisce in qualche mese

Una rivoluzione per l’emergenza Covid e per tutti coloro che vengono intubati o subiscono una tracheotomia, a volte eseguita in urgenza o per lungo tempo e con possibili danni al paziente: è il trapianto di trachea la nuova frontiera della chirurgia toracica ed è stato illustrato in occasione del quindicesimo Pneumomeeting, che per tre giorni ha riunito a Taormina (Messina) duecento specialisti da tutto il Paese.

Finora sono stati solamente quattro i casi di trapianto in tutto il mondo. E tutti italiani: un cinquantenne in condizioni molto gravi a causa del Covid, un uomo di 48 anni e due ragazze tra i 20 e i 30 anni con tumore alla tiroide sceso alla trachea. Tutti si sono salvati grazie a questa tecnica chirurgica messa a punto dall’equipe del direttore della Chirurgia toracica del Sant’Andrea di Roma Erino Rendina.

Rendina è stato ospite del simposio insieme con un paziente siciliano da lui operato.

“Tecnicamente – ha spiegato – si tratta della sostituzione dell’intera trachea con un tratto di aorta congelato proveniente da banche d’organo. I rischi consistono nell’assoluta novità di un intervento del genere: non ci sono esperienze pregresse, il 30% è stata inventiva estemporanea”.

“I pazienti – ha aggiunto – stanno bene ma dovranno attendere circa un anno e mezzo affinché l’aorta possa irrigidirsi così da consentire una sopravvivenza pressoché normale. Fino a questo momento devono tenere una protesi: un cilindretto di silicone che poi verrà rimosso”.

Durante il meeting sono emerse diverse criticità del Servizio sanitario nazionale. “Sul fronte Covid serve un forte potenziamento della medicina del territorio – ha detto il direttore del Centro Prevenzione e Monitoraggio dell’insufficienza respiratoria di Giarre (Catania) Salvatore Privitera – con investimenti mirati ad una diagnosi che sia il più precoce possibile per evitare di finire in ospedale”. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684