Covid, Fedriga, "Non raggiunta la soluzione definitiva" - QdS

Covid, Fedriga, “Non raggiunta la soluzione definitiva”

redazione web

Covid, Fedriga, “Non raggiunta la soluzione definitiva”

martedì 23 Novembre 2021 - 04:05

Il presidente della Conferenza delle Regioni annuncia un nuovo incontro con il Governo prima del Consiglio dei Ministri. "Se tutti fossero vaccinati avremmo più del 50% in meno di ospedalizzazioni"

“Non abbiamo raggiunto una soluzione definitiva”.
Lo ha detto il presidente del Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, leghista, parlando, ieri sera a Tg2 post, dell’incontro con il Governo sulle misure anti-Covid.

“Il Governo – ha spiegato Fedriga – farà le proprie valutazioni e dopo le porterà in Consiglio dei ministri. Prima del Cdm dovrebbe esserci un nuovo incontro con le Regioni che per loro sono un partner importante: l’alleanza è fondamentale per far sì che le misure siano efficaci e il più possibile comprese dai cittadini”.

“Mi auguro che la soluzione migliori – ha poi sottolineato – con il forte impegno che ci deve essere sulle terze dosi e nel far superare la paura a chi non ha ancora partecipato alla campagna vaccinale. Oggi i numeri sono chiarissimi: il tasso di ospedalizzazione e malattia grave tra chi è vaccinato è decisamente più basso rispetto a chi non è vaccinato”.

Fedriga ha riferito i risultati di uno studio compiuto dal gruppo di lavoro sull’emergenza Covid in Friuli, “se tutti fossero vaccinati avremmo più del 50% in meno di ospedalizzazioni”.

Entrando nel merito dell’incontro con il Governo, Fedriga ha detto che le Regioni hanno proposto di lavorare “per raggiungere due obiettivi: dare certezza a tutto il mondo produttivo e riuscire a coniugare questa esigenza con la tenuta del sistema sanitario e la sicurezza sanitaria dei cittadini”.

“Se le cose rimangono così come sono – ha sottolineato – vuol dire che al passaggio di zona, pensiamo a quella arancione e rossa, abbiamo la chiusura di molte attività economiche. Non possiamo lasciare nell’incertezza” le imprese, “penso a tutto quel turismo invernale e alle attività economiche che l’anno scorso hanno vissuto un dramma”.

Tra le ipotesi discusse con il Governo c’è “anche quella, per esempio, di far sì che nel passaggio di zona a un colore più scuro, si possa ipotizzare una maggiore possibilità di svolgere attività per chi è vaccinato”.

“Dall’inizio della pandemia – ha precisato – ci sono state alcune sfumature di diversificazione, le Regioni sono state compattissime indipendentemente dalla collocazione geografica o dal colore politico. Hanno dimostrato che quando c’è da rimboccarsi le maniche e superare un problema drammatico come la pandemia sono in grado di non guardare se uno è alleato o no, ma di guardare ai problemi reali. Hanno cercato di affrontarli insieme e ne vado orgoglioso”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684