Covid, Regioni al governo: "Mantenere mascherine al chiuso e Ffp2 sui trasporti" - QdS

Covid, Regioni al governo: “Mantenere mascherine al chiuso e Ffp2 sui trasporti”

web-pv

Covid, Regioni al governo: “Mantenere mascherine al chiuso e Ffp2 sui trasporti”

web-pv |
mercoledì 16 Marzo 2022 - 19:45

Domani il Cdm per decidere la roadmap delle riaperture. Le Regioni avanzano le proposte al governo in vista dell'allentamento delle restrizioni

Mantenere le mascherine in tutti gli ambienti al chiuso, con l’obbligo di Ffp2 sui mezzi di trasporto, e all’aperto, in caso di assembramenti. E’ una delle proposte sulle misure di contenimento del Covid-19 da adottare in una fase di transizione dopo la cessazione dello stato di emergenza contenute in un documento che le Regioni hanno inviato al governo.

In particolare le Regioni evidenziano che “con la decadenza dello stato di emergenza le mascherine chirurgiche non saranno più classificate come dpi” e occorre quindi “prevedere una deroga” per evitare che in tutti i luoghi di lavoro diventi obbligatorio l’uso di mascherine Ffp2, “con evidenti maggiori costi non giustificati”.

Stop alla certificazione verde all’aperto

Eliminare il green pass per l’accesso ad attività che si svolgono esclusivamente all’aperto, come i ristoranti, ad eccezione dei contesti che per propria natura sono a rischio di assembramenti, come stadi, concerti, parchi di divertimento, per i quali si potrebbe valutare l’introduzione del green pass base invece di quello rafforzato, per arrivare al suo superamento nelle settimane successive alla scadenza dello stato di emergenza. E’ una delle proposte sulle misure di contenimento del Covid-19 da adottare dopo la cessazione dello stato di emergenza contenute in un documento che le Regioni hanno inviato al governo.

Domani la roadmap

Confermata la riunione del Cdm di domani, per varare la roadmap sulle riaperture. Tra le certezze, il superamento del green pass nei luoghi di ritrovo all’aperto: non verrà più richiesto per le consumazioni sotto il sole. Dovrebbe restare nei luoghi chiusi, per essere superata il 1 di maggio. Il responsabile della Salute, Roberto Speranza, nel corso della riunione a Palazzo Chigi, avrebbe manifestato qualche dubbio, sollevando la questione dell’aumento dei contagi. Che avanzano, nonostante passino sotto traccia complice il conflitto ucraino. E così avrebbe chiesto una ‘clausola di salvaguardia’, che consenta di stringere le maglie delle aperture in tempi rapidi, semmai la situazione dovesse precipitare. Ma anche questa opzione resta tutta da valutare, nessuna decisione sarebbe stata presa in merito.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684