Covid, Sicilia, vaccini in chiesa nel Sabato santo - QdS

Covid, Sicilia, vaccini in chiesa nel Sabato santo

redazione web

Covid, Sicilia, vaccini in chiesa nel Sabato santo

sabato 03 Aprile 2021 - 07:09

Il Governatore sulla giornata di somministrazione straordinaria in trecento parrocchie, "Unici in Italia, enorme significato etico". Prenotati quasi seimila cittadini tra 69 e 79 anni

“La giornata di vaccinazione straordinaria nelle parrocchie del Sabato Santo, nata grazie alla disponibilità della Cesi, che ringrazio, ha per noi enorme significato etico, oltre che pratico”.

Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, parlando delle somministrazioni di dosi di AstraZeneca di oggi nelle chiese dell’isola, in base a un accordo con la Conferenza episcopale siciliana.

I punti vaccinali nelle circa trecento parrocchie coinvolte saranno operativi ininterrottamente dalle otto del mattino alle 18.30.

Nelle parrocchie di Palermo e Provincia dovrebbero essere vaccinate 1.339 persone , 716 solo nel capoluogo.

Anche nella cattedrale di Palermo è stato allestito un centro vaccinale.

“Sin da quando il Governo nazionale ha reso disponibili le prime dosi di vaccino per i siciliani – ha sottolineato Musumeci – ogni nostro sforzo è stato rivolto a far sì che la campagna vaccinale potesse coinvolgere il maggior numero di persone”.

“L’iniziativa – ha aggiunto il Governatore – che ci vede, unici in Italia, raggiungere direttamente i cittadini nelle parrocchie alla vigilia della Pasqua, è l’ennesima tappa di un percorso che, se l’approvvigionamento proseguirà con regolarità, deve portare alla vaccinazione della popolazione dell’Isola nel più breve tempo possibile”.

La Presidenza della Regione Siciliana ha reso noto che le parrocchie sono distribuite su 135 centri vaccinali.

Sono 5.867 cittadini, appartenenti alla fascia dai 69 ai 79 anni, che si sono prenotati rispondendo alla iniziativa prevista dal protocollo d’intesa siglato tra il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e la Conferenza episcopale siciliana e che prevede l’utilizzo dei locali delle parrocchie siciliane come “punto vaccinale di popolazione”.

Lo scopo, si sottolinea, è quello di accelerare la campagna di immunizzazione coinvolgendo anche strutture non convenzionali per raggiungere più facilmente le fasce di popolazione anziana.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684