Covid, Speranza, "Più vaccini subito o rischiamo chiusure" - QdS

Covid, Speranza, “Più vaccini subito o rischiamo chiusure”

redazione web

Covid, Speranza, “Più vaccini subito o rischiamo chiusure”

domenica 05 Settembre 2021 - 09:15

Il ministro della Salute, che oggi presiede a Roma il G20, "in pandemia la coperta rischia di essere corta, o la tiriamo con forza dalla parte dei vaccini o dovremo immaginare di tornare al lockdown"

L’obbligo vaccinale “non è una scelta già determinata e certa, ma uno strumento che abbiamo e se necessario andrà attuato senza paura”. Lo ha detto al Corriere della Sera il ministro della Salute Roberto Speranza che oggi in Campidoglio presiede il G20 dei ministri della Salute.

“Puntiamo – ha spiegato, parlando di questo “momento stratosferico per l’Italia, in cui avremo gli occhi del mondo addosso” – a firmare il Patto di Roma per vaccinare gli abitanti del mondo intero”.

“Il virus – ha detto Speranza – esiste ancora, è forte e circola. O rafforziamo ancora la campagna vaccinale, o siamo costretti a immaginare che a un certo punto bisognerà usare le misure del passato”.

“Sto dicendo – ha aggiunto – che i vaccini salvano la vita delle persone e in pandemia la coperta rischia di essere corta, o la tiriamo con forza dalla parte dei vaccini o dovremo immaginare nuove chiusure”.

L’obbligo vaccinale dunque “non è una scelta già determinata e certa, ma uno strumento che abbiamo e se necessario andrà attuato senza paura”, ha sottolineato Speranza aggiungendo: “Se la difesa del diritto alla salute e la necessità di evitare nuove privazioni della libertà ci dovessero portare a questa soluzione, certo non ci spaventeremo e non ci fermeremo”.

D’altra parte la campagna vaccinale “sta andando benissimo” e Speranza ha ringraziato per “il lavoro straordinario” le Regioni e il commissario Figliuolo, aggiungendo: “I ragazzi stanno dando una lezione a tutti, hanno capito meglio degli altri che il vaccino è uno strumento di libertà. Il Paese è in profonda sintonia con le scelte del governo”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684