Covid, nella zona di Partinico confermata la variante inglese - QdS

Covid, nella zona di Partinico confermata la variante inglese

web-la

Covid, nella zona di Partinico confermata la variante inglese

web-la |
mercoledì 03 Marzo 2021 - 20:26

Provenzano qualche giorno fa aveva lanciato un altro allarme: "Non vaccinando tutti e subito, soprattutto i soggetti più facile, si corre il rischio di creare nuove variante resistenti, com'è già successo"

All’ospedale di Partinico è stata confermata la presenza di una variante “più aggressiva”, che non è poi altro che quella inglese, e che sarebbe stata individuata in alcuni pazienti ricoverati, provenienti da San Giuseppe Jato e San Cipirello, attualmente in “zona rossa”.

A dirlo Vincenzo Provenzano, presidente nazionale della Simdo, Società italiana metabolismo, diabete, obesità, nonché responsabile del Covid hospital di Partinico, in provincia di Palermo.

“Siccome sappiamo che è una variante più contagiosa, avevamo chiesto di velocizzare gli esami e l’esito, e ci hanno detto che si tratta di quella – dice -. e che ormai nel caso della Sicilia circa il 60% (poco più del 55% in realtà ndr) i contagi riguardano proprio la variante inglese”

Provenzano qualche giorno fa aveva lanciato un altro allarme: “Non vaccinando tutti e subito, soprattutto i soggetti più facile, si corre il rischio di creare nuove variante resistenti, com’è già successo”.

Il sospetto che si trattasse di variante era emerso dopo la positività di soggetti residenti a San Cipirello e San Giuseppe Jato, anche giovani, 40-45 anni, con alcuni di loro addirittura già intubati e in rianimazione.

Il presidente della Simdo aveva lanciato un appello all’assessore alla Sanità della Sicilia, Ruggero Razza, e al Governatore Nello Musumeci: “Deve essere un compito dell’Europa dare le direttive, e io sono un Europeista convinto. Sono certo – dice – che quando avranno la possibilità sia Razza, con cui mi sento spesso, e Musumeci, sapranno dare la giusta accelerazione. La Regione ha messo in campo strutture che potrebbero fare 8-9 mila vaccini al giorno, purtroppo manca la materia prima”. 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684