Covid, variante Omicron, l'Europa ha paura e si blinda - QdS

Covid, variante Omicron, l’Europa ha paura e si blinda

redazione web

Covid, variante Omicron, l’Europa ha paura e si blinda

sabato 27 Novembre 2021 - 06:49

I timori della presidente della Commissione Ursula Von der Leyen. Il primo caso in Belgio e il "ritratto" della variante. Stop ai voli da sette Paesi Paura sui Mercati. Vaccini pronti in cento giorni

La nuova variante Omicron, più facilmente trasmissibile e individuata per la prima volta in Sudafrica, è già sbarcata in Europa con un caso in Belgio e secondo l’Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie, il livello di rischio è “alto o molto alto” per la trasmissibilità molto elevata della variante che indebolisce l’azione dei vaccini.

Pfizer e Moderna hanno fatto sapere di essere già al lavoro con vaccini specifici – Pfizer e BioNTech “prevedono di essere in grado di sviluppare e produrre un vaccino su misura contro quella variante in circa cento giorni” – ma intanto l’Ue ha esortato alla massima prudenza.

Arrivate in Olanda 61 persone dal Sudafrica sono positive al Covid

Sessantuno persone arrivate ad Amsterdam dal Sudafrica sono risultate positive al Covid. Lo hanno fatto sapere le autorità olandesi, specificando che i tamponi saranno analizzati per appurare se si tratti della variante Omicron che desta molta preoccupazione. I contagiati sono stati messi in quarantena in un hotel vicino all’aeroporto di Schiphol

La paziente infettata non era vaccinata

Il caso di Omicron scoperto in Belgio riguarda una giovane donna che ha sviluppato i sintomi undici giorni dopo aver viaggiato in Egitto attraverso la Turchia. Non aveva alcun collegamento con il Sudafrica o con qualsiasi altro Paese del Sud del continente africano. La paziente, che non era vaccinata, aveva una carica virale elevata al momento della diagnosi.

La paura dell’Europa

Il Belgio ha deciso una nuova stretta con la chiusura dei ristoranti alle 23 e lo stop alle discoteche. Più severo il giro di vite della vicina Olanda: “a partire da domenica, i Paesi Bassi saranno di fatto chiusi tra le 17 e le 5”, ha annunciato il premier Mark Rutte.

E la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha detto che la nuova variante “fa paura” e l’Ue si è blindata chiudendo le frontiera all’Africa australe, al Nord America e ad alcuni Paesi del Medio Oriente, suscitando le proteste il Sudafrica che ha definito “draconiani e ingiustificati i divieti di viaggio”.

Europa e Italia blindate

“Sappiamo – ha detto Ursula von der Leyen – che le mutazioni si possono propagare in tutto il mondo in pochi mesi. E’ importante che l’Europa si muova velocemente e in modo compatto. Ho proposto agli Stati membri di attivare il freno d’emergenza per limitare la diffusione della nuova variante con la sospensione di tutti i voli dall’Africa australe fino a quando non avremo una chiara comprensione della gravità della variante”.

Stop, dunque, ai collegamenti dei 27 Stati Ue con sette Paesi: Botswana, Swaziland, Lesotho, Mozambico, Namibia (in questo Paese solo l’11,6% della popolazione è vaccinato e 230mila vaccini potrebbero essere distrutti perchè in scadenza), Sudafrica, Zimbabwe.

Anche il ministro italiano della Salute, Roberto Speranza, ha detto che “sulla nuova variante è stata scelta una linea di massima prudenza”.

L’Italia ha disposto ieri il blocco con una circolare del Ministero della Salute e questo ha costretto giocatori e staff delle Zebre Rugby, selezione nazionale di rugby di Parma che partecipava a un torneo, a restare fermi a Città del Capo.

Il “ritratto” di Omicron

Per ora ci sono ancora poche informazioni su Omicron, ma sono bastate per far salire l’allarme in tutto il mondo.
Il nome tecnico di Omicron è B.1.1.529; è stata segnalata per la prima volta dall’Oms in Sudafrica il 24 novembre e “ha un gran numero di mutazioni, alcune delle quali preoccupanti”, segnala il gruppo di esperti dell’Organizzazione mondiale per la sanità incaricato di monitorare l’evoluzione della pandemia.
Per il National institute for communicable diseases sudafricano, “una parziale elusione della risposta immunitaria è probabile, ma è altrettanto probabile che i vaccini offriranno ancora alti livelli di protezione contro il ricovero e la morte”.

Paura sui Mercati internazionali

E Omicron spaventa anche i mercati finanziari mondiali. In Europa calo del 3,7% dell’indice Stoxx 600 che raggruppa i principali titoli quotati: un ribasso che equivale a circa 390 miliardi di capitalizzazione “bruciati” in una sola seduta e Wall Street ha chiuso col peggiore black friday della storia.
Soltanto i titoli di Pfizer e Moderna hanno fatto un balzo in Borsa.
E Stefano Fassina (LeU) e Giulia Grillo (M5S) hanno chiesto la sospensione dei brevetti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684