Csm, il pm Storari, fermate le indagini sull'avvocato Amara - QdS

Csm, il pm Storari, fermate le indagini sull’avvocato Amara

redazione web

Csm, il pm Storari, fermate le indagini sull’avvocato Amara

giovedì 20 Maggio 2021 - 06:51

Formalizzate nell'interrogatorio a Brescia le accuse alla Procura meneghina che avrebbe fermato l'inchiesta sulla Loggia Ungheria. "Diedi i verbali a Davigo e lui si prese la responsabilità"

Ha fatto una ricostruzione ad ampio raggio, parlando dei contrasti sorti attorno alla gestione dell’indagine sulle rivelazioni dell’avvocato siracusano Piero Amara su una presunta Loggia Ungheria e anche delle divergenze nell’inchiesta sul cosiddetto “complotto Eni” , il pm di Milano Paolo Storari, interrogato ieri fino a sera nella Procura di Brescia, competente per territorio.
Indagato per rivelazione del segreto di ufficio per aver consegnato, nell’aprile dell’anno scorso, a Milano, quei verbali secretati a Piecamilllo Davigo, allora consigliere del Csm, con lo scopo di autotutelarsi in quanto il Procuratore Francesco Greco e l’aggiunto Laura Pedio, a suo dire, non volevano indagare tempestivamente su quelle dichiarazioni così gravi, Storari ha “chiarito”.

E per circa quattro ore, davanti al Procuratore di Brescia Francesco Prete e al sostituto Donato Greco, titolari del fascicolo trasmesso per competenza da Roma, ha raccontato la sua versione, con tanto documenti alla mano.

A quanto si è appreso, avrebbe prodotto una serie di email per dimostrare le ripetute richieste ai vertici del suo ufficio di iscrivere nel registro degli indagati subito sei persone, Amara compreso, per poi procedere con i tabulati telefonici (disponibili a ritroso solo per due anni), tenendo conto di possibili profili di calunnia.

Richieste cadute nel vuoto (solo a maggio ci furono i primi indagati) che lo spinsero a rivolgersi a Davigo come persona “autorizzata” a ricevere quelle carte.

Un fatto di cui l’ex consigliere del Csm “si sarebbe assunto la responsabilità”, avrebbe ribadito agli inquirenti ricalcando quanto detto da Davigo.

Ma non è escluso che Storari abbia difeso la sua scelta di ricorrere al Consiglio Superiore della Magistratura per segnalare il “problema Milano”, spiegando altri particolari sulle divergenze di impostazioni e su alcuni stop alla sua linea anche nell’indagine, aperta quattro anni fa e non ancora chiusa, sul cosiddetto “falso complotto” per depistare le indagini sul blocco petrolifero Opl245 e la presunta corruzione internazionale da parte di Eni e Shell in Nigeria (in dibattimento a marzo scorso sono stati tutti assolti) nell’ambito della quale Amara ha reso quegli ormai noti verbali e ha sollevato questo nuovo polverone.

A ciò si aggiungerebbero altri retroscena sull’ex manager Eni e imputato Vincenzo Armanna, che era stato molto “valorizzato” per alcune sue affermazioni, così come Amara, nel processo sulla ipotizzata – e per il Tribunale inesistente – maxi tangente nigeriana.

Processo sul quale la Procura milanese puntava molto.

Dopo l’interrogatorio di Storari, si prevede che vengano convocati, quantomeno come testimoni, gli altri protagonisti della vicenda che sta investendo la magistratura.

“In merito alle fonti aperte e a quanto stanno dichiarando dico che stanno buttando inutilmente fango addosso a una persona”, ha detto Paolo Della Sala, difensore di Storari, al termine del faccia a faccia.

Per quanto riguarda “quel che è uscito sulla stampa o in televisione in questo periodo”, ha precisato il legale, “bisognerebbe che ci si abituasse a analizzare la condotta” sulla base della “prospettiva che aveva un soggetto in un determinato momento”.

Invece, si è gettato “inutilmente fango addosso a una persona che non lo merita”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684