Dal Mise 25 milioni di euro per le Case delle tecnologie - QdS

Dal Mise 25 milioni di euro per le Case delle tecnologie

redazione

Dal Mise 25 milioni di euro per le Case delle tecnologie

venerdì 06 Marzo 2020 - 00:00
Dal Mise 25 milioni di euro per le Case delle tecnologie

C’è anche Catania tra le città oggetto di sperimentazione nell'ambito del Programma di supporto alle tecnologie emergenti per il 5G, che potranno presentare un progetto. Le proposte delle amministrazioni comunali vanno inviate entro il primo giugno

ROMA – Il ministero dello Sviluppo economico ha avviato la procedura di selezione di ulteriori progetti di ricerca e sperimentazione riguardanti il Programma di supporto alle tecnologie emergenti. L’avviso pubblico prevede di destinare 25 milioni di euro per la realizzazione di nuove Case delle tecnologie, dopo quella avviata a Matera, lo scorso dicembre, con la convenzione firmata dal ministro Stefano Patuanelli e dal sindaco della città lucana.

Tali progetti potranno essere presentati dalle amministrazioni comunali oggetto di sperimentazione 5G entro le ore 12 dell’1 giugno 2020, “con l’obiettivo di creare una rete di Case delle Tecnologie per sostenere il trasferimento tecnologico verso le Pmi con l’utilizzo del Blockchain, dell’IoT e dell’Intelligenza artificiale e la creazione di start-up”.

Il Mise, a partire dal 2019, ha avviato un Programma di supporto alle tecnologie emergenti con l’obiettivo di realizzare progetti di sperimentazione, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, basati sull’utilizzo delle tecnologie emergenti collegate allo sviluppo delle reti di nuova generazione 5G. A tale programma è stato destinato un finanziamento di 40 milioni di euro per le Case delle tecnologie emergenti e di 5 milioni di euro per i progetti di ricerca basati sull’utilizzo delle tecnologie emergenti collegate allo sviluppo delle reti di nuova generazione e selezionati a gennaio 2020.

CASE DELLE TECNOLOGIE
Con la Direttiva del 22 novembre 2019, il Ministro dello Sviluppo Economico ha determinato che “la dotazione finanziaria di 40 milioni di euro stabilita nell’Asse I del programma di supporto alle tecnologie Emergenti nell’ambito del 5G, approvato con decreto ministeriale 26 marzo 2019, come modificato da Decreto Ministeriale del 5 giugno 2019, è così ripartita:

– Fino ad un massimo di 15 milioni di euro per la realizzazione della casa delle tecnologie emergenti nella città di Matera in base al progetto presentato dall’Amministrazione Comunale in data 4 novembre 2019 ed approvato dal Ministero;

– la restante quota, pari ad almeno 25 milioni di euro, per il finanziamento dei progetti che saranno presentati dalle amministrazioni comunali delle città oggetto di sperimentazione 5G indicate in premessa (tra le quali c’è anche Catania, unico comune siciliano, ndr) e ammessi al finanziamento a seguito di una specifica procedura selettiva di cui premessa”.

COME PARTECIPARE
La domanda di partecipazione alla procedura, redatta secondo le modalità previste dall’Avviso pubblico, dovrà essere inviata tramite posta elettronica certificata all’indirizzo Pec: dgscerp.div02@pec.mise.gov.it entro le ore 12.00 del prossimo 1 giugno. Qualora la Domanda di partecipazione dovesse risultare voluminosa tale da non permettere l’invio tramite Pec, il plico completo di tutti gli allegati potrà essere consegnato a mano presso la Divisione II della Dgscerp del Ministero dello sviluppo economico, Viale America 201, 00144 Roma, stanza A-537.

Eventuali richieste di informazioni e chiarimenti potranno essere formulate esclusivamente in forma scritta, a mezzo Pec all’indirizzo dgscerp.div02@pec.mise.gov.it, fino al 24 aprile 2020. Le risposte ai quesiti verranno successivamente pubblicate in forma anonima sul sito internet del Ministero entro il 9 maggio 2020.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684