Decreto Sostegni, Assoimpresa Sicilia, una delusione - QdS

Decreto Sostegni, Assoimpresa Sicilia, una delusione

redazione web

Decreto Sostegni, Assoimpresa Sicilia, una delusione

martedì 23 Marzo 2021 - 10:15

Secondo il presidente Mario Attinasi "Non è assolutamente in linea con le esigenze di aziende e imprenditori". E commenta, "La politica dimostra ancora una volta la propria incapacità"

“Il Decreto sostegni approvato lo scorso venerdì non è assolutamente in linea con le esigenze di aziende e imprenditori, siamo decisamente delusi”.

Lo dice il presidente di Assoimpresa Mario Attinasi che commenta con amarezza il testo del decreto che non soddisfa le richieste di imprenditori e professionisti.

Nello specifico Attinasi sottolinea che “le imprese italiane sono allo stremo e i ristori tanto attesi non bastano nemmeno a pagare le utenze e gli affitti di un mese di lavoro. Purtroppo, la politica dimostra ancora una volta la propria incapacità a comprendere i bisogni e le difficoltà del mondo produttivo, con scelte incomprensibili che determineranno la chiusura di migliaia di aziende con la conseguente perdita del posto di lavoro di altrettanti dipendenti. Occorre prevedere fin da adesso un ulteriore decreto ristori se si vuole scongiurare un’ecatombe per il tessuto produttivo del nostro paese con risvolti drammatici e con una ricaduta imprevedibile dal punto di vista economico e sociale”.

La ripresa economica è parallela all’emergenza sanitaria e il presidente di Assoimpresa auspica un’accelerata nella campagna vaccinale.

“Purtroppo siamo in forte ritardo anche sulla campagna vaccinale e a farne le spese sono come sempre le imprese – sottolinea Attinasi – è inspiegabile chiudere interi settori economici quando si assiste ad assembramenti anche per fare i vaccini o ai centri commerciali o a bordo di bus e tram”.

“Siamo stanchi – conclude – di assistere ai tanti cambi di direzione senza una strategia degna di questo nome e soprattutto senza nessuna condivisione con il tessuto sociale ed economico del paese. Auspichiamo un cambiamento tanto atteso con il governo Draghi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684