Putin, il discorso tra mobilitazione parziale e minaccia nucleare - QdS

Putin, la mobilitazione parziale e lo spettro della guerra nucleare: “Non è un bluff”

webms

Putin, la mobilitazione parziale e lo spettro della guerra nucleare: “Non è un bluff”

webms |
mercoledì 21 Settembre 2022 - 15:37

Il discorso di Putin scatena nuovamente la paura mondiale di fronte alla possibilità di una guerra con l'uso di armi nucleari.

Sono trascorsi quasi 7 mesi dall’inizio della guerra Russia-Ucraina. Durante il suo ultimo discorso sulla cosiddetta “operazione speciale” in Ucraina, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato la “mobilitazione parziale” e di fatto si torna a parlare di pericolo guerra nucleare.

A scatenare – ancora una volta – la preoccupazione mondiale per quanto accade in Ucraina sono le ultime dichiarazioni di Putin, ma anche la minaccia diretta sul possibile utilizzo di armi nucleari dell’ex consigliere del presidente russo, Sergei Markov.

Putin, mobilitazione parziale: cosa vuol dire

La Russia richiamerà 300.000 riservisti, secondo quanto dichiarato dal ministro russo della Difesa, Sergei Shoigu. Essendo solo “parziale”, la mobilitazione – come ha specificato Putin – riguarderà solo quei cittadini riservisti e “coloro che hanno prestato servizio nelle forze armate, hanno determinate specializzazioni militari e un’esperienza rilevante”.

Chi verrà mobilitato otterrà ufficialmente lo status di “militare”, con salari e contratto regolare. Il decreto – in 10 punti, il numero 7 (pare) ancora non pubblicato – è stato firmato questa mattina dal presidente Putin.

La minaccia dell’arma nucleare e le risposte

“Se l’integrità territoriale del nostro Paese verrà minacciata, utilizzeremo sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione per proteggere la Russia e il nostro popolo. Non è un bluff“.

Con queste parole, durante il suo discorso, Putin torna a minacciare contro chiunque ostacoli l’operazione russa con l’ipotesi di una “guerra nucleare”. Nel suo discorso, il presidente russo ha sottolineato anche come le armi russe siano più moderne – per certi aspetti – di quelle occidentali, non mostrando alcun timore di fronte alla possibile reazione del mondo alle sue parole.

“Ora è essenziale arrivare a qualche forma di demilitarizzazione dell’area. Non possiamo rischiare la catastrofe nucleare”. Questa la reazione del premier Mario Draghi, intervenuto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, al Palazzo di vetro dell’Onu a New York.

A ribadire il “no” alle armi nucleari è anche il papa, che commenta così le minacce di guerra nucleare che – dopo le parole di Putin – si fanno purtroppo concrete: “Sarebbe una pazzia“, ha sostenuto in uno dei suoi ultimi discorsi.

Prosegui la lettura per osservare il discorso integrale di Putin con tutti i dettagli su mobilitazione parziale, minaccia nucleare e guerra in Ucraina.

Il discorso integrale di Putin (italiano)

La versione integrale del discorso di Putin – pubblicato in russo sul sito del Cremlino – in italiano.

“Cari amici,

Il tema del mio intervento è la situazione nel Donbass e il corso di un’operazione militare speciale per liberarlo dal regime neonazista che ha preso il potere in Ucraina nel 2014 a seguito di un colpo di stato armato.

Oggi mi rivolgo a voi, a tutti i cittadini del nostro Paese, alle persone di diverse generazioni, età e nazionalità, al popolo della nostra grande Patria, a tutti coloro che sono uniti dalla grande Russia storica, ai soldati e agli ufficiali, ai volontari che ora sono combattendo in prima linea, sono sul posto di combattimento, ai nostri fratelli e sorelle – residenti delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, delle regioni di Kherson e Zaporozhye e di altre aree liberate dal regime neonazista.

Parlerò dei passi necessari e urgenti per proteggere la sovranità, la sicurezza e l’integrità territoriale della Russia, di sostenere il desiderio e la volontà dei nostri compatrioti di determinare il proprio futuro e della politica aggressiva delle élite occidentali, che si stanno impegnando con tutte le loro forze per mantenere il loro dominio. Per questo stanno cercando di bloccare, sopprimere qualsiasi possibilità di sviluppo sovrano e indipendente per continuare a imporre crudamente la loro volontà ad altri Paesi e popoli, a imporre i loro pseudo-valori”.

Discorso Putin, l’attacco alla Nato e all’Occidente

“Lo scopo di questo Occidente è indebolire, dividere e infine distruggere il nostro Paese. Dicono di essere stati capaci di dividere l’Unione Sovietica nel 1991 e che ora è giunto il momento per la Russia di disintegrarsi in molte regioni. E regioni mortalmente ostili.

E hanno portato avanti il loro piano per diverso tempo. Hanno incoraggiato bande di terroristi internazionali nel Caucaso, promosso l’infrastruttura offensiva della NATO vicino ai nostri confini. Hanno fatto della russofobia la loro arma. Per decenni hanno intenzionalmente coltivato l’odio per la Russia, principalmente in Ucraina, che stanno trasformando in un punto d’appoggio anti-russo. Lo stesso popolo ucraino è stato trasformato in carne da cannone e spinto alla guerra contro il nostro Paese. La guerra l’hanno scatenata, già nel 2014, usando le forze armate contro la popolazione civile, organizzando genocidi e blocchi, terrorizzando le persone che si rifiutavano di riconoscere il potere sorto in Ucraina dopo un colpo di stato”.

L’attacco al regime di Kiev

“E dopo che l’attuale regime di Kiev ha effettivamente rifiutato pubblicamente una soluzione pacifica al problema del Donbass e annunciato anche le sue rivendicazioni sulle armi nucleari, è diventato assolutamente chiaro che un nuovo, ennesimo attacco su larga scala contro il Donbass – come già accaduto due volte in passato – era inevitabile. Ed è chiaro che altrettanto inevitabilmente sarebbe seguito un attacco alla Crimea russa, alla Russia”.

Putin, guerra Russia-Ucraina: “Obiettivi immutati, via alla mobilitazione parziale”

“A questo proposito, la decisione su un’operazione militare preventiva era assolutamente necessaria e l’unica possibile. I suoi obiettivi principali – la liberazione dell’intero territorio del Donbass – sono rimasti e rimangono immutati.

La Repubblica popolare di Luhansk è già stata quasi completamente ripulita dai neonazisti. Continuano i combattimenti nella Repubblica popolare di Donetsk. Qui, per otto anni, il regime di occupazione di Kiev ha creato una linea profondamente scaglionata di fortificazioni a lungo termine. Il loro assalto frontale avrebbe provocato pesanti perdite per le nostre unità, così come per le unità militari delle repubbliche del Donbass. Queste agiscono in modo sistematico e competente, utilizzano attrezzature, proteggono il personale e, passo dopo passo, liberano la terra di Donetsk, liberano città e paesi da neonazisti, forniscono assistenza alle persone che il regime di Kiev ha trasformato in ostaggi, in scudi umani.

Come sapete, i militari professionisti in servizio sotto contratto prendono parte all’operazione militare speciale. Anche i volontari stanno combattendo fianco a fianco con loro: persone di nazionalità, professioni, età diverse che sono dei veri patrioti, venuti in difesa della Russia e del Donbass”.

Il discorso di Putin: il punto sui volontari

“A questo proposito, ho già dato istruzioni al Governo e al Ministero della Difesa affinché determinino – nel più breve tempo possibile – lo status giuridico dei volontari e dei combattenti delle unità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Dovrebbe essere lo stesso di quello dei militari regolari dell’esercito russo, anche in termini di materiale, supporto medico e garanzie sociali. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata all’organizzazione della fornitura di formazioni di volontari e distaccamenti della milizia popolare del Donbass.

Nel corso della risoluzione dei principali compiti di protezione del Donbass, le nostre truppe, sulla base dei piani e delle decisioni del Ministero della Difesa e dello Stato Maggiore Generale sulla strategia generale d’azione, hanno liberato dai neonazisti anche importanti territori del Kherson e Zaporozhye regioni e un certo numero di altre regioni. Di conseguenza, si è formata una linea estesa di contatto di combattimento, che è di oltre mille chilometri.

“La soluzione pacifica non andava bene all’Occidente”

Cosa voglio dire pubblicamente oggi per la prima volta? Già dopo l’inizio dell’operazione militare speciale, compresi i colloqui a Istanbul, i rappresentanti di Kiev hanno reagito in modo molto positivo alle nostre proposte, che riguardavano principalmente la sicurezza della Russia e i nostri interessi. Ma è ovvio che la soluzione pacifica non si addiceva all’Occidente, quindi, dopo il raggiungimento di alcuni compromessi, a Kiev è stato effettivamente dato l’ordine diretto di interrompere tutti gli accordi.

L’Ucraina ha iniziato a essere ancora più rifornita di armi. Il regime di Kiev ha lanciato nuove bande di mercenari e nazionalisti stranieri, unità militari addestrate secondo gli standard della NATO e sotto il comando de facto di consiglieri occidentali.

Allo stesso tempo, il regime di repressione in tutta l’Ucraina contro i propri cittadini, instaurato subito dopo il colpo di stato armato del 2014, è stato rafforzato nel modo più severo. La politica dell’intimidazione, del terrore e della violenza assume forme sempre più massicce, terribili, barbariche.

Ci tengo a sottolineare che sappiamo che la maggior parte delle persone che vivono nei territori liberati dai neonazisti – e queste sono innanzitutto le terre storiche della Novorossia – non vogliono essere sotto il giogo del regime neonazista. A Zaporozhye, nella regione di Kherson, a Lugansk e Donetsk, hanno visto e stanno assistendo alle atrocità che i neonazisti stanno compiendo nelle aree occupate della regione di Kharkov. Gli eredi di Bandera e i punitori nazisti uccidono persone, le torturano, le gettano in prigione, regolano conti, reprimono, tormentano i civili.

Più di sette milioni e mezzo di persone vivevano nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nelle regioni di Zaporozhye e Kherson prima dello scoppio delle ostilità. Molti di loro sono stati costretti a diventare profughi, a lasciare le proprie case. E coloro che sono rimasti – circa cinque milioni di persone – oggi sono sottoposti a continui lanci di artiglieria e missili da parte di militanti neonazisti. Colpiscono ospedali e scuole, organizzano attacchi terroristici contro civili”.

Non possiamo, non abbiamo il diritto morale di consegnare le persone a noi vicine perché vengano fatte a pezzi dai carnefici, non possiamo che rispondere al loro sincero desiderio di determinare la propria sorte. I parlamenti delle repubbliche popolari del Donbass, così come le amministrazioni militare-civili delle regioni di Kherson e Zaporozhye, hanno deciso di indire referendum sul futuro di questi territori e si sono rivolti a noi, Russia, con la richiesta di sostenere tale passo.

Consentitemi di sottolineare che faremo di tutto per garantire condizioni sicure per lo svolgimento di referendum, in modo che le persone possano esprimere la propria volontà. E sosterremo la decisione sul loro futuro, che sarà presa dalla maggioranza dei residenti delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, delle regioni di Zaporozhye e Kherson”.

Il punto sulla guerra in Ucraina

“Oggi le nostre forze armate, come ho già detto, operano sulla linea di contatto, che supera i mille chilometri, si confrontano non solo con le formazioni neonaziste, ma di fatto con l’intera macchina militare dell’Occidente.

In questa situazione, ritengo necessario prendere la seguente decisione, adeguata alle minacce che dobbiamo affrontare: proteggere la nostra Patria, la sua sovranità e integrità territoriale, garantire la sicurezza del nostro popolo e del popolo nei territori liberati. Ritengo necessario sostenere la proposta del Ministero della Difesa e dello Stato Maggiore Generale sullo svolgimento della mobilitazione parziale nella Federazione Russa”.

Putin spiega la mobilitazione parziale nel suo discorso

“Ripeto, si tratta nello specifico di mobilitazione parziale. Saranno quindi soggetti alla leva solo i cittadini che attualmente sono in riserva e soprattutto coloro che hanno prestato servizio nelle forze armate, hanno determinate competenze militari e relativa esperienza.

I richiamati al servizio militare, prima di essere inviati alle unità, subiranno a colpo sicuro un addestramento militare aggiuntivo, tenendo conto dell’esperienza di un’operazione militare speciale.

Conformemente alla legge, le Camere dell’Assemblea federale – il Consiglio della Federazione e la Duma di Stato – saranno ufficialmente informate di questo oggi tramite lettere.

Le attività di mobilitazione inizieranno dal 21 settembre. Insegno ai capi delle regioni di fornire tutta l’assistenza necessaria al lavoro dei commissariati militari. Vorrei sottolineare che i cittadini russi chiamati al servizio militare mediante mobilitazione riceveranno lo status, i pagamenti e tutte le garanzie sociali del personale militare in servizio con contratto”.

Nel suo discorso, Putin afferma anche : “Aggiungo che il decreto sulla mobilitazione parziale prevede anche misure aggiuntive per adempiere all’ordinanza di difesa dello Stato. I capi delle imprese del settore della difesa sono direttamente responsabili della risoluzione dei compiti per l’aumento della produzione di armi e attrezzature militari e del dispiegamento di capacità di produzione aggiuntive. A sua volta, tutte le questioni relative al materiale, alle risorse e al sostegno finanziario per le imprese della difesa devono essere risolte immediatamente dal Governo”.

“L’Occidente ha superato ogni limite”

“Nella sua aggressiva politica antirussa, l’Occidente ha superato ogni limite. Sentiamo costantemente minacce contro il nostro Paese, la nostra gente. Alcuni politici irresponsabili in Occidente non parlano solo di piani per organizzare la fornitura di armi offensive all’Ucraina, ma anche di sistemi che consentiranno attacchi contro la Crimea e altre regioni della Russia”.

Tali attacchi terroristici, anche con l’uso di armi occidentali, sono già in corso negli insediamenti di confine delle regioni di Belgorod e Kursk. In tempo reale, utilizzando sistemi moderni, aerei, navi, satelliti, droni strategici, la NATO effettua ricognizioni in tutta la Russia meridionale.

A Washington, Londra, Bruxelles stanno spingendo direttamente Kiev a trasferire le operazioni militari nel nostro territorio. Senza più nascondersi, dicono che la Russia deve essere sconfitta con tutti i mezzi sul campo di battaglia, seguita dalla privazione della sovranità politica, economica, culturale, in generale, di qualsiasi sovranità”.

Putin e il tema del nucleare

“Fu lanciato anche il ricatto nucleare. Non si tratta solo del bombardamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya, incoraggiato dall’Occidente, che minaccia una catastrofe nucleare, ma anche delle dichiarazioni di alcuni alti rappresentanti dei principali Stati della NATO sulla possibilità e l’ammissibilità dell’uso di armi di distruzione di massa contro la Russia – armi nucleari.

A chi si permette di fare simili affermazioni sulla Russia, vorrei ricordare che anche il nostro Paese dispone di vari mezzi di distruzione, e per certi aspetti anche più moderni di quelli dei Paesi NATO. E se l’integrità territoriale del nostro Paese verrà minacciata, utilizzeremo sicuramente tutti i mezzi a nostra disposizione per proteggere la Russia e il nostro popolo. Non è un bluff.

I cittadini russi possono essere certi che l’integrità territoriale della nostra Patria, la nostra indipendenza e libertà saranno assicurate – lo sottolineo ancora una volta – con tutti i mezzi a nostra disposizione. E coloro che stanno cercando di ricattarci con armi nucleari dovrebbero sapere che anche la rosa dei venti può girare nella loro direzione.

È nella nostra tradizione storica, nel destino del nostro popolo, fermare coloro che lottano per il dominio del mondo, che minacciano lo smembramento e la riduzione in schiavitù della nostra Patria, la nostra Patria. Lo faremo ora, e così sarà. Credo nel vostro sostegno”.

Fonte immagine: Sito Cremlino

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001